QUI quotidiano online. Registrazione Tribunale di Firenze n. 5935 del 27.09.2013
ABBADIA SAN SALVATORE
Oggi 20°30° 
Domani 19°29° 
Un anno fa? Clicca qui
Qui News amiata, Cronaca, Sport, Notizie Locali amiata
martedì 26 luglio 2016

Attualità lunedì 07 marzo 2016 ore 11:06

“Infelice accostare profughi e rifiuti”

Foto di: Immagine di repertorio

L’Amministrazione comunale interviene sulle dichiarazioni di Abbadia Futura e chiarisce la sua posizione sull’accoglienza dei migranti

ABBADIA SAN SALVATORE — “Non vogliamo neanche soffermarci sull’accostamento tra profughi e rifiuti proposto dalla lista civica Abbadia Futura in un suo recente comunicato stampa, un’affermazione che, permetteteci, è eufemistico definire infelice – esordisce l’amministrazione comunale - La questione migranti è un dramma enorme ed è sotto gli occhi di tutti. Non potevamo aspettarci che Abbadia San Salvatore potesse esserne per sempre al di fuori, potesse sentirsi non toccata da un’emergenza umanitaria che sta riguardando non solo l’Italia ma l’Europa intera, con storie drammatiche che possiamo ascoltare e vedere tutti i giorni in ogni notiziario e leggere su ogni testata. Le 15 persone che saranno ospitate ad Abbadia – continua a spiegare l’Amministrazione - (perché è bene ricordare, a scanso di equivoci, che di questo si tratta: persone), provengono interamente dal Bangladesh ed arrivano da un recente periodo che li ha già visti ospiti a Vivo d’Orcia. Non sono quindi sconosciuti”.

“Piuttosto è il tema relativo alle modalità con le quali oggi avviene la gestione della problematica che ci spinge ad una serie di considerazioni che, come Amministrazione, ci sentiamo di fare. In particolare, non ci convince il processo che porta all’assegnazione dei migranti, il quale in primo luogo rischia di trasformarsi in una mercificazione del dramma, con i prefetti costretti ad allocare in tempi brevi un numero consistente di profughi e contestualmente un rapporto diretto con i privati che può spingere questi ultimi a fini tutt’altro che umanitari. In secondo luogo, la prevaricazione sulle Amministrazioni rischia di non far comprendere gli aspetti particolari delle singole realtà comunali e di non tenere conto delle tensioni sociali già esistenti. Di fatto non abbiamo potere rispetto alla decisione di un privato. Quello che come Amministrazione possiamo fare e già ci stiamo adoperando per realizzarlo in tempi brevi è trovare il modo per far sì che questi ragazzi possano integrarsi rapidamente e contemporaneamente rendersi utili per la comunità”.

L’Amministrazione comunale ritiene: “La scelta di un singolo albergatore non possa inficiare il progetto di rilancio turistico del paese che stiamo portando avanti insieme, Comune, strutture ricettive, Centro Commerciale Naturale, Associazioni di Categoria e associazioni di volontariato, con risultati e prospettive incoraggianti (si veda Abbadia Città delle Fiaccole o Destinazione Amiata)”.

“Detto questo però, la dimensione umanitaria della vicenda non è in discussione, né lo sarà mai per questa Amministrazione. Abbadia è sempre stata luogo di accoglienza ed altruismo e vogliamo continuare a credere che lo sia, ancora di più perché la situazione è difficile, ancora di più perché il momento ha una portata storica che dobbiamo superare tutti insieme, come comunità” - conclude.

Tag

Ultimi articoli Vedi tutti

Attualità

Attualità

Attualità

Attualità