QUI quotidiano online. Registrazione Tribunale di Firenze n. 5935 del 27.09.2013
ABBADIA SAN SALVATORE
Oggi 10°12° 
Domani 11°17° 
Un anno fa? Clicca qui
Qui News amiata, Cronaca, Sport, Notizie Locali amiata
sabato 25 novembre 2017

Attualità giovedì 21 settembre 2017 ore 17:35

Folla all'assemblea per non chiudere la banca

La sala del Centro civico in via Fiume era stipata, e non tutti hanno trovato posto a sedere, per scongiurare la chiusura dello sportello bancario

CASTIGLIONE D'ORCIA — La sala del Centro civico in via Fiume era stipata e non tutti hanno trovato posto a sedere; è stata un’assemblea pubblica molto partecipata, quella organizzata da vari enti, a Campiglia d’Orcia, mercoledì 20 settembre. 

Unico argomento: scongiurare la chiusura dello sportello locale del Monte dei Paschi

Presenti tanti cittadini, e una delegazione proveniente dalla vicina Bagni San Filippo, rappresentanti delle varie associazioni paesane e il sindaco di Castiglione d’Orcia, Claudio Galletti. 

Il primo cittadino ha promesso tutto l’impegno possibile per evitare la chiusura di quello che è, nei fatti, un servizio assimilabile alla pubblica utilità, specie per le persone più anziane, per chi ha difficoltà di spostamento, per quanti provano a mantenere o intraprendere attività agricole, artigianali o ricettive. 

Domenica 24 settembre si terrà un consiglio comunale straordinario aperto, convocato proprio a Campiglia d’Orcia per favorire la partecipazione della popolazione, al termine del quale è ipotizzabile l’adozione di un’ordine del giorno che sarà inviato non solo ai vertici dell’Istituto di credito, ma anche alle istituzioni pubbliche, ai parlamentari della circoscrizione ed a quanti possano avere voce in capitolo. 

La popolazione è determinata a intraprendere ogni possibile azione che eviti la chiusura e già si sono levate le voci di chi propone di cambiare banca nel caso venisse confermata la chiusura della filiale. 

Non c’è dunque pace, su questo fronte, per il territorio comunale castiglionese: lo scorso anno nubi nere si erano addensate sulla filiale di Vivo d’Orcia, dove l’ufficio postale è già stato soppresso anni fa, la cui chiusura fu poi evitata mettendo in campo l’azione di un comitato apposito formato da Comune, Associazioni varie e cittadini, che si recarono anche in delegazione a Palazzo Salimbeni, nel capoluogo provinciale, per illustrare le loro ragioni. 

Sembra che questa ulteriore ipotesi di taglio sia frutto di nuove richieste in questo senso pervenute da organismi sovraordinati, che insistono nel chiedere la riduzione degli sportelli bancari.

Eppure i territori rurali - s apprende da un comunicato - rappresentano la maggior parte del suolo nazionale e la necessità di presidiarli, curarli, mantenerli per quanto possibile produttivi ed in buon ordine, dovrebbe essere interesse di tutti, a partire da chi riveste ruoli di responsabilità nei livelli istituzionali più elevati. 

Tag

Ultimi articoli Vedi tutti

Attualità

Cronaca

Cronaca

Cronaca