QUI quotidiano online. Registrazione Tribunale di Firenze n. 5935 del 27.09.2013
ABBADIA SAN SALVATORE
Oggi 14°26° 
Domani 17°24° 
Un anno fa? Clicca qui
Qui News amiata, Cronaca, Sport, Notizie Locali amiata
sabato 23 giugno 2018

Cronaca mercoledì 09 novembre 2016 ore 14:17

L'agenda delle cene del direttore dell'Ato rifiuti

E' partita da un esposto anonimo l'inchiesta della Finanza che ha portato agli arresti domiciliari il direttore generale dell'Ato rifiuti Toscana sud



FIRENZE — La gara per affidare a un gestore unico la raccolta e lo smaltimento dei rifiuti nelle province di Siena, Grosseto e Arezzo fu bandita dall'Ato rifiuti Toscana sud nel 2010 e vinta nel 2013 da Sei Toscana, un raggruppamento di imprese di cui è mandataria la società Sienambiente, uno dei vecchi gestori del servizio. Una partita da 3 miliardi e mezzo di euro che, secondo la procura fiorentina e la Finanza, ha ruotato intorno a una gara pesantemente pilotata per far vincere proprio 'quel' consorzio. E che oggi ha portato agli arresti domiliari  per turbativa d'asta il direttore generale dell'Ato, Andrea Corti, 50 anni, e all'interdizione dai pubblici uffici di tre professionisti, Eros Organni, l'amministratore delegato di Sei Toscana Eros Organni, l'ad e legale rappresentante di Siena Ambiente Marco Buzziechelli, e un avvocato di Firenze (vedi qui sotto gli articoli collegati).

L'inchiesta, denominata Clean City, è iniziata nel 2014 a seguito di un esposto anonimo giunto alla procura, alla Corte dei Conti e alla Guardia di Finanza. Uno scritto talmente pieno di informazioni e dettagli da convincere gli inquirenti a mettere in moto le indagini.

Nella predisposizione del bando di gara su misura per far vincere il raggruppamento che faceva capo a Sienambiente, il direttore dell'Ato rifiuti ha svolto un ruolo strategico. Per lui il pm aveva chiesto il carcere ma il giudice per le indagini preliminari, pur definendo "imbarazzante la spregiudicatezza e la fame di denaro del dg", ha ritenuto sufficienti gli arresti domiciliari seppure con divieto assoluto di incontri e colloqui. Altrettanto strategica si è rivelata l'agenda personale del direttore generale, soprannominata dai finanzieri 'l'agenda delle cene'.

"Nell'agenda del direttore generale - ha dichiarato il sostituto procuratore Rodrigo Merlo - la Guardia di Finanza ha individuato appuntamenti per cene, incontri, meeting prima, durante e dopo la gara. Sono almeno quaranta incontri con i consulenti per dare indicazioni. Vi sono scritti ordini del giorno inequivocabili2.

"Anche corrispondenza telematica è impressionante" ha detto ancora il procuratore.

Durante i due anni dell'inchiesta i finanziari hanno esaminato armadi interi pieni di documenti pubblici e personale, controllando le singole fatture e il percorso dei compensi in denaro elargiti a società e consulenti coinvolti nella gara del super-appalto.

"Il direttore generale dell'Ato Toscana sud ha fatto mercimonio delle proprie funzioni pubbliche al fine di favorire un intreccio di intese davvero sconcertante - ha spiegato il procuratore generale di Firenze Giuseppe Creazzo - Il tutto a vantaggio del'aggiudicatario dell'appalto e traendone vantaggi personali. Controllori e controllati agivano insieme per raggiungere il risultato comune di far aggiudicare la gara ad un preciso raggruppamento di imprese".

Servizio di Dario Pagli


Tag

Ultimi articoli Vedi tutti

Attualità

Cronaca

Cronaca

Attualità