QUI quotidiano online. Registrazione Tribunale di Firenze n. 5935 del 27.09.2013
ABBADIA SAN SALVATORE
Oggi 8° 
Domani 11° 
Un anno fa? Clicca qui
Qui News amiata, Cronaca, Sport, Notizie Locali amiata
martedì 21 gennaio 2020

Attualità giovedì 30 marzo 2017 ore 10:19

Nuovo servizio per scegliere se donare gli organi

​Da oggi, all'ufficio anagrafe di Arcidosso, sarà possibile esprimere la propria volontà sulla donazione di organi e tessuti



ARCIDOSSO — Il comune di Arcidosso ha attivato presso l’Ufficio Anagrafe la possibilità di manifestare la propria volontà di donare organi e tessuti, che potrà essere espressa firmando un semplice modulo, al momento del rilascio o del rinnovo della carta d’identità. 

Potranno farlo tutti i cittadini maggiorenni e i cittadini stranieri con regolare documento di riconoscimento e tessera sanitaria validi.

Il dato acquisito - si apprende dal Comune - non è riportato sul documento d’identificazione (salvo richiesta del cittadino) ma viene registrato all’interno del Sistema Informativo Trapianti (SIT), in modo che queste informazioni siano immediatamente disponibili, in caso di necessità. 

L’orientamento espresso, compresa la cancellazione, potrà essere mutato in qualsiasi momento della vita, con una dichiarazione da rendere all’Ufficio anagrafe presso il quale si è manifestata la prima volontà o ad uno degli uffici dislocati su tutto il territorio nazionale, collegati alla banca dati del Centro Nazionale Trapianti.

Il nuovo servizio è previsto dal progetto “Una scelta in Comune” realizzato dalla Regione Toscana in collaborazione con Anci Toscana, Federsanità Anci, Centro nazionale trapianti e Aido e va ad ampliare le possibilità di registrazione della volontà tuttora vigenti. Ad esempio, altri modi per dichiarare la propria volontà sono: presso gli sportelli Asl, compilando e firmando apposito modulo; compilando e firmando la tessera dell’AIDO (Associazione italiana per la donazione di organi); con una dichiarazione in carta libera completa dei dati personali, da tenere nel portafoglio; con il Tesserino Blu inviato dal ministero della salute nel 2000; con le DonoCard delle associazioni di settore.

In Italia, nel 2015, sono stati effettuati 2999 trapianti e 324 trapianti da vivente, mentre i pazienti in lista d’attesa sono 9316, alla data del 28 marzo 2017. Bastano queste cifre per rendere chiaro quanto sia preziosa la donazione d’organi e importante l’opera di sensibilizzazione per diffondere tale cultura.

Per l’amministrazione comunale di Arcidosso: “donare gli organi dopo la morte è una scelta di grandissima generosità e umanità che può salvare la vita anche a più persone. Ci siamo impegnati per attivare questo servizio, sperando che possa contribuire ad aumentare il numero dei donatori. Al di là che una persona sia favorevole o contraria, pensiamo sia comunque importante farsi un’idea ben precisa e fare in modo che la propria volontà venga rispettata.”

Per far questo, l’avvio del nuovo servizio sarà supportato dal materiale informativo, manifesti e brochure che saranno presenti e disponibili presso l’Ufficio Anagrafe, al primo piano del Comune in piazza Indipendenza 30, nei vari ambulatori presenti in paese e al distretto socio sanitario di Arcidosso.



Tag

«La filosofia del Noi». Gli youtuber Sofia Viscardi e Alessandro Tenace insegnano a «restare umani»

Ultimi articoli Vedi tutti

Attualità

Attualità

Attualità

Attualità