QUI quotidiano online. Registrazione Tribunale di Firenze n. 5935 del 27.09.2013
ABBADIA SAN SALVATORE
Oggi 14°19° 
Domani 15°23° 
Un anno fa? Clicca qui
Qui News amiata, Cronaca, Sport, Notizie Locali amiata
lunedì 23 settembre 2019

Attualità martedì 13 settembre 2016 ore 18:05

Google racconterà il Museo delle Miniere

Grazie ad un accordo tra Google Culturale Institute e l’associazione “Minatori per il Museo” gli utenti troveranno una nuova sezione dedicata al museo



SANTA FIORA — Visibilità mondiale nella nuova sezione Google di storia naturale, per il Museo delle Miniere di Mercurio del Monte Amiata, situato in piazza Garibaldi.

In particolare la collaborazione con il Museo delle Miniere di Mercurio del Monte Amiata permetterà agli utenti di accedere ad una collezione digitale di 146 opere e di osservare una parte significativa dell’esposizione mineralogica del Museo. Alla presentazione del progetto, che si è tenuto al Museo di Storia Naturale di Londra, l’associazione Minatori per il Museo di Santa Fiora, ha partecipato con Graziella Ciaffarafà.

“Per il comune di Santa Fiora e per tutta l’Amiata è una grande occasione di visibilità e di promozione – afferma soddisfatto il sindaco di Santa Fiora Federico Balocchi – il Museo delle Miniere di Mercurio e quindi santa Fiora, avranno immediato risalto sulla pagina di ricerche Google a livello mondiale. Inoltre, sarà dedicato al Museo un approfondimento espositivo virtuale con circa venti filmati e una gallery di fotografie d’epoca. Il museo sarà altresì visitabile virtualmente in stile street view. E considerato che gli altri siti museali presenti nella sezione storia naturale di Google, – in tutto solo 60 – sono strutture come il Museo di Storia Naturale di Londra, il Museo di Berlino, gli Uffizi di Firenze e il Moma, non c’è dubbio che si tratti di una presenza altamente qualificante per il nostro piccolo ma prezioso Museo.”

“Un plauso all’associazione Minatori – continua il sindaco Federico Balocchi – ed in particolare a Lucia Franceschelli, Alfonso Fiorentino e Graziella Ciaffarafà per il lavoro di inserimento, codifica ed elaborazione relativo all’esposizione virtuale. Un lavoro durato 18 mesi e realizzato totalmente a titolo gratuito.”

All’indirizzo g.co/naturalhistory gli utenti troveranno una nuova sezione tutta dedicata alla storia naturale.



Tag

Matteo Salvini ospite da Barbara D'Urso: il suo guru della comunicazione fa un video e l'assistente di studio lo riprende

Ultimi articoli Vedi tutti

Attualità

Attualità

Politica

Cronaca