QUI quotidiano online. Registrazione Tribunale di Firenze n. 5935 del 27.09.2013
ABBADIA SAN SALVATORE
Oggi 13°20° 
Domani 12°21° 
Un anno fa? Clicca qui
Qui News amiata, Cronaca, Sport, Notizie Locali amiata
sabato 19 ottobre 2019

Attualità lunedì 26 settembre 2016 ore 15:22

Bambini, premiato il distretto Amiata grossetano

“Alleggeriamo il peso di una lacrima” è il progetto Usl Toscana sud est per migliorare i tempi e le prestazioni per i bambini e i pazienti “fragili”



AMIATA — Ad aggiudicarsi il primo premio al forum dedicato alla sostenibilità e allo sviluppo nel settore della salute, che si è svolto a Firenze, alla Leopolda, il 22 il 23 settembre, il distretto Amiata grossetana.

Il progetto è stata elaborato dal gruppo infermieristico delle Cure primarie della Zona-distretto Amiata grossetana, sotto la supervisione del direttore dell’Unità operativa Assistenza infermieristica territoriale, Silvia Bellucci, e del coordinatore infermieristico, Lucia Ciuffoletti, da giugno 2016 è stato avviato nel punto prelievi della Casa della salute di Castedelpiano. In questo primo anno di attività, i risultati sono stati molto postivi in termini di tempi di attesa e di soddisfazione degli utenti, tanto che la Direzione aziendale ha intenzione di estendere questa procedura in tutto il territorio della Usl sud est.

In sostanza, i familiari dei bambini e gli adulti definiti “fragili” possono prenotare la prestazione telefonicamente, oppure andando all'accoglienza della Casa della salute, anche contestualmente alla prescrizione diagnostica. In questo caso, infatti, si applica il principio “dove si prescrive, si prenota”, su cui la Usl Toscana sud est sta puntando per progetti di miglioramento per l’accesso alle visite e ai servizi diagnostici. L'infermiere prende in carico l'utente, ne valuta i bisogni specifici e fissa l’appuntamento per il prelievo, che verrà così eseguito senza ulteriori aggravi per i pazienti e senza tempi di attesa.

Il progetto prevede un sistema di prenotazione e di accesso riservato per i bambini e tutti quei pazienti che necessitano di particolare attenzione nell’esecuzione del prelievo, in un ambulatorio loro dedicato, separato da quello per gli altri utenti e dove è presente anche un’area giochi per i più piccoli.

Come spiegano gli operatori che hanno elaborato il progetto, che ha visto la preziosa collaborazione anche dei medici e dei pediatri di famiglia: “Il prelievo di sangue in questi soggetti può essere molto difficoltoso da eseguire, per le dimensioni dei vasi sanguigni o per il generale stato di salute del paziente. I bambini e le persone fragili possono avere un aumento della sensibilità e risposte prolungate al dolore rispetto alla popolazione ‘adulta’, per cui la procedura nella sala prelievi generale può richiedere più tempo ed essere causa di ritardi e disagio anche per gli altri utenti”.

Soddisfazione è stata espressa dalla Direzione aziendale che si è complimentata con la struttura per i risultati conseguiti e per l’originalità del progetto.

Il premio è stato assegnato da una giuria di esperti provenienti dal mondo scientifico, universitario e sanitario nazionale, su 52 progetti presentati da tutta Italia.



Tag

Meloni a Roma: «Cinquestelle stretti in auto blu come sardine in salamoia»

Ultimi articoli Vedi tutti

Attualità

Lavoro

Attualità

Attualità