Questo sito contribuisce alla audience di 
QUI quotidiano online.  
Percorso semplificato Aggiornato alle 17:42 METEO:ABBADIA SAN SALVATORE10°  QuiNews.net
Qui News amiata, Cronaca, Sport, Notizie Locali amiata
giovedì 04 marzo 2021
Tutti i titoli:
corriere tv
Sanremo, Laura Pausini si commuove dopo la vittoria del Golden Globe: «Sono molto emozionata»

Cultura venerdì 20 novembre 2020 ore 09:22

​Alla mostra a braccetto con l'Avatar

Da oggi al Museo Santa Maria della Scala un percorso interattivo guidato dal robot Bernardino. Focus sull'azione di Medici Senza Frontiere



SIENA — Viaggiare restando a casa. “Spedale Senza Frontiere” è il “ticket” per entrare nel mondo della tecnologia robotica applicata al racconto. A Siena c’è una mostra molto particolare che da oggi apre il suo “scrigno” e lo fa correndo sul web con tecnologie innovative. C’è per fino un Avatar a fare da Cicerone nelle sale, rigorosamente online, del Santa Maria della Scala.

Il focus è sull’opera di Medici Senza Frontiere. Quattro storie da quattro paesi diversi, raccontate con strumenti diversi: da un sito web immersivo ad un chatbot interattivo, da una mostra a delle illustrazioni, dai blog personali ad una serie di video dei personaggi.

Il progetto è realizzato da alcuni studenti del Master in Comunicazione d’Impresa dell’Università di Siena (supervisione di Lucia Ciciriello e Paolo Bertetti, nell’ambito del laboratorio congiunto QuestIT Lab promosso dall’azienda di intelligenza artificiale Quest-IT), in collaborazione con il Comune, il Museo Santa Maria della Scala e Medici Senza Frontiere.

La mostra ruota attorno alle azioni di Msf e all’antica funzione ospedaliera del Santa Maria della Scala, le cui mura proteggevano infermi e orfani. 

C’è perfino un Avatar (dell’azienda LiquidWeb) a guidare la visita: BrainControl Avatar è un servizio unico per l’accesso delle persone con difficoltà motorie, ma che in tempi di pandemia è la via per conoscere e restare connessi col mondo. 

A Siena l’Avatar lo chiamano Bernardino come svela il sindaco Luigi De Mossi: “Fa parte del nostro ‘staff’ del Santa Maria da 11 mesi e consente visite immersive per offrire esperienze uniche e personalizzate. Ha permesso a molte persone di visitare dalla propria abitazione il Santa Maria anche nei mesi del lockdown generale. Un progetto fortemente voluto dall’amministrazione comunale per rendere sempre più inclusiva e accogliente la nostra città”.

Tag
Iscriviti alla newsletter QUInews ToscanaMedia ed ogni sera riceverai gratis le notizie principali del giorno
Programmazione Cinema Farmacie di turno

Ultimi articoli Vedi tutti

CORONAVIRUS

Attualità

Attualità

Attualità