Questo sito contribuisce alla audience di 
QUI quotidiano online.  
Percorso semplificato Aggiornato alle 17:50 METEO:ABBADIA SAN SALVATORE11°  QuiNews.net
Qui News amiata, Cronaca, Sport, Notizie Locali amiata
martedì 20 aprile 2021
Tutti i titoli:
corriere tv
Milano, le notti violente all'Arco della Pace

Attualità giovedì 04 marzo 2021 ore 15:10

Appalto nido comunale, lavoratori in protesta

Fp Cgil teme un progressivo smantellamento dei servi resi ai cittadini. Criticata anche la scelta di non passare la decisione dal Consiglio comunale



SIENA — Stato di agitazione. Questo è quanto dichiarato dalla Fp Cgil all'indomani della notizia della procedura di appalto di un nido comunale, Le Biciancole. La protesta è stata decisa dall'assemblea del personale dei Servizi Educativi del Comune di Siena. Circa l'80% dei lavoratori si sono riuniti online ed hanno ritenuto opportuno lo stato di agitazione. 

“Le motivazioni addotte dall’Amministrazione non sono di carattere economico, - spiega l’organizzazione sindacale - e neppure di carattere sociale o sanitario. L’assessore Benini ha chiaramente detto che si apre per il futuro una razionalizzazione nella gestione dei nidi pubblici, ovvero che in realtà inizia un processo di smantellamento degli eccellenti servizi che il Comune di Siena offre ai cittadini da oltre 40 anni, e lo faranno solo con una delibera di Giunta, senza passare dal Consiglio comunale perché temono il confronto, tanto è vero che qualche giorno fa non hanno nemmeno voluto discutere in merito a due interrogazioni sul tema perché non urgenti”.

Secondo il sindacato questa decisione produrrà, a settembre,  un cambio completo del personale nel nido Le Biciancole e i bambini che vi torneranno dopo la pausa estiva non troveranno più le loro educatrici. "Ma del resto l’Assessore ha detto che la continuità didattica, sostenuta da tutti i pedagogisti a livello mondiale, non è importante…”.

“Il nido Le Biciancole, essendo attiguo ad una scuola dell’infanzia comunale appena fuori le mura di Porta Pispini, - aggiunge la Fp Cgil - si presta invece a contribuire a sviluppare proprio un Polo pubblico integrato di educazione e di istruzione dalla nascita sino a 6 anni, come previsto dal DL 65/2017, che a tal proposito stanzia appositi finanziamenti statali, ma nulla di tutto ciò sembra interessare od essere stato compreso dalla Giunta”.

Pertanto il sindacato dichiara l'assoluta contrarietà all’appalto di un nido comunale.  "Ora più che mai – conclude la Cgil - perché in una fase socio-economica così difficile per le famiglie e soprattutto per le bambine e i bambini, che con la pandemia mostrano insicurezze e paure e subiscono le difficoltà di organizzazione degli adulti, ci sembra davvero assurdo ed ingiusto che un sindaco ed una giunta si accaniscano verso coloro che rappresentano e che dovrebbero difendere".

Tag
Iscriviti alla newsletter QUInews ToscanaMedia ed ogni sera riceverai gratis le notizie principali del giorno
L'articolo di ieri più letto
I numeri migliorano in tutto il territorio provinciale. Il capoluogo è calato dai 33 casi di ieri ai 6 di oggi. Meglio anche la Val d'Elsa
Programmazione Cinema Farmacie di turno

Qui Blog di Gianni Micheli

Ultimi articoli Vedi tutti

Attualità

Attualità

Attualità

CORONAVIRUS