Questo sito contribuisce alla audience di 
QUI quotidiano online.  
Percorso semplificato Aggiornato alle 16:45 METEO:ABBADIA SAN SALVATORE15°29°  QuiNews.net
Qui News amiata, Cronaca, Sport, Notizie Locali amiata
mercoledì 10 agosto 2022
Tutti i titoli:
corriere tv
Meloni si rivolge alla stampa estera in tre lingue: «No a svolta autoritaria, noi siamo democratici»

Cronaca mercoledì 27 luglio 2022 ore 14:24

Incendio a Cinigiano sotto controllo ma l'allerta resta alta

I danni provocati dall'incendio
I danni provocati dall'incendio

Un solo focolaio attivo nella zona di Formicone. Ancora disagi per telefoni e internet. Rientrate nelle abitazioni le tre famiglie ancora evacuate



CINIGIANO — Continuano le operazioni di controllo e spengimento definitivo del devastante incendio che, da domenica scorsa ad oggi, ha distrutto 700 ettari di boschi e di campi e un'abitazione. Vigili del fuoco e personale dell'anticendio boschivo regionale (Aib) monitorano la situazione, intervenendo nel più breve tempo possibile per domari eventuali riprese di fiamme e nuovi focolai. Al momento ce n'è solo uno attivo nella zona Fornicone.

"È stata effettuata la verifica del perimetro complessivo del rogo, possiamo dire che è calmo ma non completamente freddo" ha spiegato su Facebook la sindaca Romina Sani.

Le 3 famiglie evacuate e ancora fuori casa hanno potuto far rientro nelle loro abitazioni.

"Si raccomanda di rispettare l'ordinanza sindacale di tenere sempre pulita intorno alle proprie abitazioni una fascia di 30 metri - ha scritto ancora la sindaca - Rimangono disservizi di telefonia fissa e mobile e internet, i tecnici stanno lavorando. In serata la strada provinciale 17 Voltina sarà riaperta, terminando oggi i lavori di messa in sicurezza delle piante su strada. Proseguiranno i lavori di somma urgenza a traffico aperto nelle scarpate".

Nel grande incendio sono bruciati fienili, vigne, oliveti, pascoli, foraggi e recinti. Danneggiate dalle fiamme numerose aziende agricole tra cui allevamenti ed agriturismi.  “Ringraziamo tutti gli operatori che da cielo e da terra hanno lavorato per spegnere l’incendi - ha dichiarato Fabrizio Filippi, presidente di Coldiretti Toscana - Ci troviamo purtroppo di fronte a pochi giorni di distanza dall’incendio di Massarosa ad una nuova scena di devastazione con centinaia di ettari a bosco e coltivazioni andate in fumo. A Cinigiano è evidente come la cura del territorio sia stato il primo antidoto contro gli incendi. Laddove le imprese agricole sono presenti e tengono puliti i terreni il fuoco è stato spento rapidamente. Laddove invece i terreni sono abbandonati il fuoco, sospinto anche dal vento, trova le condizioni ottimali per crescere e diventare ancora più pericoloso per la popolazione e la biodiversità, facendo salire il conto dei danni per l’economia ed il turismo. Ora servono aiuti per consentire a queste imprese di ripristinare al più presto la produttività aziendale”.


Se vuoi leggere le notizie principali della Toscana iscriviti alla Newsletter QUInews - ToscanaMedia. Arriva gratis tutti i giorni alle 20:00 direttamente nella tua casella di posta.
Basta cliccare QUI

Tag
Iscriviti alla newsletter QUInews ToscanaMedia ed ogni sera riceverai gratis le notizie principali del giorno