comscore
QUI quotidiano online. Registrazione Tribunale di Firenze n. 5935 del 27.09.2013
ABBADIA SAN SALVATORE
Oggi 18° 
Domani 20° 
Un anno fa? Clicca qui
Qui News amiata, Cronaca, Sport, Notizie Locali amiata
mercoledì 27 maggio 2020
corriere tv
Sala: «Ci sono Regioni che non vogliono i milanesi. Me ne ricorderò quando andrò in vacanza»

Attualità mercoledì 07 ottobre 2015 ore 09:38

Defibrillatori obbligatori negli impianti sportivi

Foto di: Immagine di repertorio

Approvata la legge per la diffusione dei defibrillatori semiautomatici esterni negli impianti sportivi, presenza obbligatoria dal 1 Luglio 2016



FIRENZE — Un passo avanti importante per la Regione Toscana dal punto di vista della prevenzione e per la sicurezza di chi fa sport.

“E anche stavolta lo fa da apripista, prevedendo l'entrata in vigore a luglio 2016, in anticipo con le linee guida della normativa nazionale" - commenta il presidente della Commissione Sanità e politiche sociali Stefano Scaramelli (Pd) - "La possibilità di intervenire nei primi minuti di crisi con un defibrillatore, infatti, è determinante per salvare la vita di una persona. E per questo abbiamo previsto che tutti gli impianti sportivi dovranno esserne dotati, assieme a delle persone appositamente formate per l'utilizzo in caso di emergenza".

"E' importante precisare che la normativa riguarda solo gli impianti sportivi, ovvero spazi preposti unicamente ad attività sportive, mentre l'obbligo non riguarda, per esempio, quei circoli dove si trovano locali per il ballo o le bocce. A fare i controlli e a sanzionare eventuali inadempienze saranno i Comuni, ma mi fa piacere evidenziare l'atteggiamento positivo del mondo dello sport verso questa legge, data la consapevolezza che quella che stiamo avviando è una vera rivoluzione riguardo alla sicurezza sullo sport" - dichiara il consigliere Pd Enrico Sostegni, membro della Commissione sanità del Consiglio regionale.

"Lo sforzo, sul quale si sono concentrati anche i lavori della Commissione, è stato anche quello di andare il più possibile incontro ai gestori degli impianti e alle società sportive, in primis prorogando il termine per l'obbligatorietà, che la vecchia norma prevedeva per questo mese, e poi introducendo nel testo una notevole semplificazione burocratica. Non sarà necessario, infatti, inviare nessun documento, ma solo tenere presso l'impianto tutta la documentazione relativa al defribillatore. Soprattutto, per evitare di gravare sulle associazioni e le società sportive, la formazione obbligatoria del personale addetto all'uso potrà essere erogata, oltre che da soggetti accredidati, dalle Asl territoriali e con il coinvolgimento delle associazioni di volontariato, dando così la possibilità di poter frequentare i corsi senza ulteriori costi". - concludono i consiglieri Pd Scaramelli e Sostegni.



Tag
 
Programmazione Cinema Farmacie di turno

Ultimi articoli Vedi tutti

Attualità

Attualità

Attualità

Attualità