QUI quotidiano online. Registrazione Tribunale di Firenze n. 5935 del 27.09.2013
ABBADIA SAN SALVATORE
Oggi 13°20° 
Domani 12°21° 
Un anno fa? Clicca qui
Qui News amiata, Cronaca, Sport, Notizie Locali amiata
sabato 19 ottobre 2019

Attualità giovedì 07 maggio 2015 ore 09:45

Terzo incontro fra “Arte e Storia”

Domenica pomeriggio 10 Maggio torna il ciclo di visite guidate organizzate dalla Società Storica Poliziana, dal titolo “Seggiano- Poggio alle Bandite”



MONTEPULCIANO — Il terzo appuntamento si tratta di una passeggiata guidata da Marco Pistoi, Daniele Rossi e Renzo Formichi, ognuno dei quali analizzerà il percorso sotto vari aspetti. Il comune di Seggiano (nella foto) ha un territorio che si è rivelato assai ricco di reperti archeologici scoperti anche in tempi recenti, tutti molto vari sia per tipologia, tecnica e cronologia, con oggetti che vanno dall’età neolitica a quella romana. Come i resti di un santuario etrusco presso Poggio alle Bandite e numerose tombe in tutta l’area comunale. L’aspetto geologico del Monte Amiata verrà spiegato da Renzo Formichi, geologo, dando notizie sulla sua nascita, sulla sua origine vulcanica e su come si sia evoluta la montagna dal punto di vista geologico.

L’appuntamento per la visita e passeggiata è alle ore 15,30 nel piazzale di fronte alla chiesa della Madonna della Carità a Seggiano, chiesa edificata in epoca medievale con facciata a capanna e campanile a vela e al cui interno è conservata un'immagine della Madonna circondata da affreschi di Francesco Nasini con figure di angeli e santi. Il comune di Seggiano è anche legato alla figura di San Bernardino da Siena poiché a pochi chilometri da Seggiano si trovano i ruderi del convento francescano del Colombaio, documentato fin dal 1251, ma risalente ad un epoca ancora precedente e ritenuto uno dei luoghi di ritiro di San Francesco e dei suoi seguaci. Ma qui, soprattutto,a partire dal 1402 S. Bernardino da Siena fece il suo noviziato, celebrò la prima messa, e si esercitò nell’arte della predicazione rimanendovi nove anni.

Gli abitanti di Seggiano furono quindi i “primi a raccogliere i frutti della predicazione del Santo” e hanno sempre mantenuto una speciale devozione verso Bernardino di cui custodiscono alcune reliquie nella Chiesa del Corpus Domini. S. Bernardino restò sempre legato al Colombaio e per questo motivo il complesso fu intitolato al santo senese. Il convento venne abitato fino alla sua soppressione avvenuta nel 1764 mentre la chiesa continuò ad essere officiata fino al 1827 per poi essere definitivamente abbandonata.



Tag

Meloni a Roma: «Cinquestelle stretti in auto blu come sardine in salamoia»

Ultimi articoli Vedi tutti

Attualità

Lavoro

Attualità

Attualità