Questo sito contribuisce alla audience di 
QUI quotidiano online.  
Percorso semplificato Aggiornato alle 18:11 METEO:ABBADIA SAN SALVATORE12°  QuiNews.net
Qui News amiata, Cronaca, Sport, Notizie Locali amiata
mercoledì 21 aprile 2021
Tutti i titoli:
corriere tv
Milano, le notti violente all'Arco della Pace

Attualità sabato 06 marzo 2021 ore 14:43

Telemedicina, il pacemaker si controlla a distanza

Grazie ad un totem istallato presso l'ospedale di Abbadia San Salvatore sarà possibile "controllarsi" ed inviare i dati a Nottola



ABBADIA SAN SALVATORE — Un totem per controllare a distanza il pacemaker e annullare così le distanze e le difficoltà di spostamento, opportunità sempre rilevante e a maggior ragione in questo periodo. 

L’Asl Toscana sud est ha attivato lo strumento all’ospedale di Abbadia San Salvatore ed è in diretto collegamento con gli ambulatori dell’ospedale di Nottola, dove sarà possibile effettuare i controlli ordinari dei pacemaker far arrivare direttamente le persone residenti sull’Amiata. 

È uno dei grandi vantaggi connessi all’utilizzo della telemedicina, di cui in questa fase potranno usufruire in autonomia e con grande facilità d’uso le circa trenta persone residenti nella zona amiatina portatrici di pacemaker. 

“Questo strumento – afferma Franco Bui, direttore della Cardiologia di Nottola e Abbadia San Salvatore – è di grande importanza perché consente il controllo a distanza dei pacemaker da un ospedale come quello di Nottola dove è presente l’elettrofisiologia. Questo eviterà lunghi spostamenti a persone spesso anziane o costrette magari a prendere permessi dal lavoro per un controllo di routine”.

Al paziente sarà sufficiente recarsi all’ospedale di Abbadia San Salvatore ed effettuare il test con il totem, per le verifiche periodiche del pacemaker. Da qui l’analisi verrà trasmessa al server e riversata sui computer del reparto di Cardiologia a Nottola, dove gli specialisti potranno così esaminare i risultati del controllo.

“L’utilizzo di questa tecnologia – spiega Rosa La Mantia, direttore degli ospedali di Nottola e Abbadia San Salvatore – rappresenta un’innovazione rilevante nella modalità di gestione dei pazienti, soprattutto in un periodo come questo. La telemedicina rappresenta una soluzione importante ed è una soddisfazione riuscire ad applicarla in questi termini. Abbiamo scelto l’ospedale di Abbadia San Salvatore perché è proprio nelle aree periferiche che risulta decisivo inserire adeguamenti tecnologici per garantire maggiore sicurezza per i cittadini”.

Tag
Iscriviti alla newsletter QUInews ToscanaMedia ed ogni sera riceverai gratis le notizie principali del giorno
L'articolo di ieri più letto
Lieve incremento dei contagi nella provincia rispetto a ieri. Situazione in miglioramento in Val d'Elsa dopo i numeri dei giorni scorsi
Programmazione Cinema Farmacie di turno

Qui Blog di Gianni Micheli

Ultimi articoli Vedi tutti

Attualità

Attualità

Attualità

CORONAVIRUS