comscore
QUI quotidiano online. Registrazione Tribunale di Firenze n. 5935 del 27.09.2013
ABBADIA SAN SALVATORE
Oggi 17°29° 
Domani 13°28° 
Un anno fa? Clicca qui
Qui News amiata, Cronaca, Sport, Notizie Locali amiata
giovedì 02 luglio 2020
corriere tv
Il sindaco di Sesto prende in giro i vigili di Milano in monopattino: il video con la musica dei Chips

Attualità mercoledì 09 dicembre 2015 ore 11:31

Torna a nuova vita l’arco di Sant’Anna

In occasione dell’inizio del Giubileo, l’antico arco in pietra che da via Cavour immette in via del Monastero è stato completamente ristrutturato



ABBADIA SAN SALVATORE — L’intervento è stato possibile grazie alla sinergia del Comune e del volontariato dei cittadini, che con un sapiente lavoro di recupero l’opera è stato restituita alla comunità nella sua nuova veste.

Dopo la messa e la benedizione dell’arco ad opera di Don Giampaolo, parroco dell’Abbazia del Santissimo Salvatore e Don Francesco della parrocchia di Santa Croce, il sindaco di Abbadia, Fabrizio Tondi, ha svelato il nuovo dipinto di Sant’Anna donato dal pittore Fiore Cagnetti e che va a sostituire la contemporanea stampa all’interno del tabernacolo in legno. 

Per l’interveneto all’arco sono intervenute le ditte Forti Alfeo, Nocci Alessandro, Macchiesi Santino, Innocenti Alessandro, Jetta Roberto, Severini Agostino, Eternedili, Tondi Gilberto, Edilcoop e Balzan Germano. E poi ancora molti altri volontari: Massimo Sabatini, Andrea Sabatini, Sauro e Stelvio Mambrini, Orlando Cardoni, Francesco Contorni, Enzo Cerretani, Luciano Ciacci, Marcello Brogi, Aurelio Cesaretti, Giacomo Guerrini, Loredano Romani, Pietro Etrusco Contorni e Luigina Flori, oltre alle associazioni Rione Convento e Centro Anziani. Un’incredibile varietà di forze che si sono adoperate per questo bellissimo risultato.

“Siamo felici in modo particolare per questa inaugurazione – Commenta il sindaco di Abbadia, Fabrizio Tondi – Per tutta una serie di motivi ad essa connessi. Prima di tutto, senza dubbio, per aver restituito alla comunità un’opera preziosa all’interno del contesto storico, architettonico e artistico del nostro paese. Ma quello che più colpisce e come Amministrazione ci rende fieri è il segnale che da questa inaugurazione proviene. Il segnale di un paese che è ripartito, che si è rimesso in moto per il proprio bene e per ricostruire il proprio futuro, con forze fresche che mettono a disposizione anche la propria opera di volontariato per il bene della comunità. Una comunità che sta ritrovando la propria identità e si sta ricompattando, pur nelle molte difficoltà, pur contro le resistenze ostative, per uscire dalla crisi, così complessa per il nostro territorio e crearsi nuove prospettive. Il recupero di un arco può rappresentare soltanto un simbolo, ma è l’opera di chi ha contribuito a farlo ad arricchirci come paese.”



Tag

Ultimi articoli Vedi tutti

Attualità

Attualità

Attualità

Attualità