comscore
QUI quotidiano online. Registrazione Tribunale di Firenze n. 5935 del 27.09.2013
ABBADIA SAN SALVATORE
Oggi 17° 
Domani 11°17° 
Un anno fa? Clicca qui
Qui News amiata, Cronaca, Sport, Notizie Locali amiata
giovedì 01 ottobre 2020
corriere tv
Sorpreso fuori casa con il cellulare dall'inviato di Giletti, torna in cella «boss dei Nebrodi»

Attualità mercoledì 06 aprile 2016 ore 15:13

‘Te la do io la geortermia’

Il 9 arile presso il consiglio regionale, incontro organizzato dalla Rete Nazionale NoGesi di cui fanno parte comitati antigeotermici amiatini



AMIATA — "I Comitati toscani della rete nazionale NoGesi sono allarmati dall'accelerazione impressa dal governatore Rossi che sembra deciso a procedere spedito nel rilascio di permessi e concessioni di sfruttamento geotermico pur in mancanza di linee guida nazionali, che pure il governo avrebbe dovuto emanare oltre sei mesi fa, come approvato dalla Risoluzione congiunta delle Commissioni VIII e X della Camera dei Deputati il 15 aprile 2015" - così inizia la nota stampa diramata da NoGesi.

"Tale accelerazione dei tempi è preoccupante per tutti i territori coinvolti, dalle "aree geotermiche" di Larderello/Travale e dell'Amiata ad altre che sono oggetto di "nuove" concessioni per impianti a media ed alta entalpia, anche per la mancanza di "regole" nelle autorizzazioni che lasciano una discrezionalità pelosa nelle mani della Giunta Regionale".

La nota prosegue: "L'incontro di Firenze vuole portare all'attenzione dei media e dei cittadini i rischi ed i pericoli a cui potenzialmente vengono esposti territori che hanno nella lo ro naturale vocazione il turismo, le risorse agroalimentari d’eccellenza, l’economia legata al paesaggio e alla tradizione toscana che il mondo intero ci invidia. Contro il tentativo, quindi, di trasformare tale prezioso tesoro naturale in un distretto industriale dell’energia (che dove è stato realizzato- Alta Val di Cecina- non ha prodotto altro che decadenza economica) i Comitati toscani della Rete Nazionale NOGESI porteranno la loro voce e quella di autorevoli esperti del settore, nel cuore della Regione Toscana, regione che, peraltro ha già da tempo raggiunto i limiti imposti nella produzione elettrica delle cosiddette “energie rinnovabili” e non ha quindi alcun giustificato motivo per procedere oltre. L’obiettivo è quello di sensibilizzare e informare in merito agli scenari che si stanno prefigurando, con l’obiettivo di arrivare a dire: “basta altra geotermia in Toscana, moratoria subito”.”



Tag

Ultimi articoli Vedi tutti

Attualità

Attualità

Attualità

Attualità