comscore
QUI quotidiano online. Registrazione Tribunale di Firenze n. 5935 del 27.09.2013
ABBADIA SAN SALVATORE
Oggi 16°28° 
Domani 14°27° 
Un anno fa? Clicca qui
Qui News amiata, Cronaca, Sport, Notizie Locali amiata
sabato 11 luglio 2020
corriere tv
Francesco Bellomo, magistrato destituito perché pretendeva minigonna per le allieve, fa ancora lezione tra le proteste degli allievi che gli gridano «vergogna»

Attualità sabato 29 aprile 2017 ore 13:24

Torna Maggio e rivive la natura

Puntuale, come l’avvicendarsi dei tempi e delle stagioni, torna a Castiglione d’Orcia il Maggio, tradizione antica che guarda alla natura



CASTIGLIONE D'ORCIA — Puntuale, come l’avvicendarsi dei tempi e delle stagioni, torna a Castiglione d’Orcia “Il Maggio”. 

Una tradizione le cui origini si perdono nella notte dei tempi e possono ricollegarsi agli antichi riti propiziatori in onore del risveglio della natura. Nella loro struttura attuale, invece le quartine di ottonari - che un gruppo di cantori esegue - sono riconducibili nella metrica all’epoca del Rinascimento fiorentino e di Lorenzo Il Magnifico. 

I brani - spiegano dal comune di Castiglione - eseguiti dopo ogni madrigale (a volte dopo due) da un’orchestrina di strumenti a fiato composta quasi per intero dai componenti della banda musicale locale, risalgono a epoca più recente (la Filarmonica è stata fondata nel 1876) ed erano un tempo utilizzati anche nelle feste da ballo paesane animate dagli stessi suonatori.  

Nel primo pomeriggio del 30 aprile, i “Maggiaioli” muovono dal paese alla volta delle campagne dove, nei casolari sparsi, fanno visita alle famiglie portando il loro canto augurale, rivolto al “capoccia”, alla “massaia”, alle “belle ragazze da marito”, auspicando buoni raccolti e che “le volpi e le faine un’accostino nell’aia”, ricevendo in cambio ospitalità ed offerte. Nella serata, e per tutta la notte seguente, il rituale prosegue da prima a Rocca e poi a Castiglione d’Orcia, dove le quartine sono in parte diverse, essendo dedicate anche agli sposi, alle giovani da maritare, alle autorità. 

Alle prime luci del giorno, quando “Spunta l’alba e si veste il sole, se le mette le scarpe d’oro…”, con un ultimo saluto ai Maggiaioli trapassati al cancello del camposanto, si chiude il lungo itinerare. 

Nei giorni seguenti i componenti del Gruppo raccolgono offerte spontanee fra i compaesani, utilizzate per allestire una merenda collettiva, con la quale si chiude il cerchio idealmente aperto il 30 aprile. Sbaglierebbe chi pensasse di assistere a una delle tante rievocazioni a uso di turisti e curiosi. Il “rito”, infatti, verrebbe celebrato comunque, anche senza di loro. E’ affidata alla sensibilità di ciascuno la partecipazione improntata al rispetto dovuta verso una cosa a suo modo preziosa. 



Tag

Ultimi articoli Vedi tutti

Attualità

Attualità

Attualità

Attualità