comscore
QUI quotidiano online. Registrazione Tribunale di Firenze n. 5935 del 27.09.2013
ABBADIA SAN SALVATORE
Oggi 13°23° 
Domani 15°25° 
Un anno fa? Clicca qui
Qui News amiata, Cronaca, Sport, Notizie Locali amiata
mercoledì 05 agosto 2020
corriere tv
Lo straordinario ritorno delle tartarughe Caretta Caretta in Cilento

Attualità lunedì 21 agosto 2017 ore 12:48

Da Firenze al Monte Amiata per allevare gli alpaca

La storia di Riccardo e Rossella: da Firenze al Monte Amiata per aprire un allevamento di alpaca. "Abbiamo realizzato un sogno"



SANTA FIORA — Via di mezzo tra una pecora e cammello senza gobba, l'alpaca appartiene alla famiglia dei camelidi del nuovo mondo. Peloso, minuto e caratterizzato da svariati colori attira le simpatie di grandi e piccini. 

Sul Monte Amiata esiste un allevamento gestito dai coniugi Riccardo e Rossella Romanelli. Una coppia di Firenze che, assecondando un’intuizione a dir poco originale, ha deciso di lasciare casa, lavoro e affetti per investire in un’impresa da favola: dare vita a un allevamento di alpaca.

"Siamo fiorentini di nascita - spiega Riccardo - proveniamo da esperienze completamente diverse: io ero un ingegnere meccanico, Rossella studiava lingue. Nel 2000 abbiamo pensato di cambiare vita dopo esserci imbattuti in un documentario, girato in Maremma, che parlava di alpaca; animale di cui non sospettavamo l’esistenza. Da lì il colpo di fulmine".

I due iniziano a girovagare per la Toscana in cerca degli animali, e del territorio giusto dove farli prolificare: "Dovevamo trovare l’ambiente ideale - prosegue Riccardo - All’inizio ci siamo trasferiti in un piccolo appezzamento a Lucolena in Chianti, insieme ai primi quattro alpaca; ma nel 2006 gli animali si sono quintuplicati e lo spazio non bastava più".

Dopo un anno di ricerche, fra le alture di Toscana e Umbria, la coppia arriva per caso sul Monte Amiata: "Abbiamo trovato una casa circondata da dieci ettari di campi. Un posto ideale, anche per il clima che somiglia a quello delle Ande (la specie è originaria del Perù, ndr). Nel 2007 ci siamo trasferiti qui. Gli animali si sono riprodotti fino a formare gli attuali sessantaquattro elementi, tranquilli e pacifici".

Rossella ricorda i nomi dei camelidi uno per uno: Briana, la capostipite che a breve compirà vent’anni; poi Cesare, Martino, Gregorio, Isotta. Ognuno con una fisionomia riconoscibile e un carattere definito. Ci sono il timido, il coraggioso, l’impertinente e poi c’è Aurora, che ama farsi accarezzare e sembra corteggiare ogni avventore. 

Circa le caratteristiche: "I colori - spiega Rossella - possono essere marrone, nero, bianco, grigio in varie sfumature, maculati, ma anche rosa scuro, il più raro. Appartengono alla famiglia dei lama e provengono dalla razza vigogna. Per tosarli servono tre giorni. Da ognuno viene poi ricavata una lana considerata tra le migliori al mondo, in virtù di un’assortita gamma cromatica e una delicatezza unica. Il filo lo facciamo lavorare a Prato e quando torna cucio personalmente a telaio guanti, cappelli, sciarpe, collane, mantelli, e molto altro. Le maglie le facciamo su ordinazione; in trenta giorni esaudiamo ogni richiesta".

L’alpaca è una bestia domestica, non aggressiva e rara: nel mondo esistono meno di quattro milioni di esemplari. Nuovi allevamenti stanno sorgendo in Israele, Nuova Zelanda e Stati Uniti, mentre in Italia resta una specie sconosciuta ai più. 

La coppia ci tiene a dirimere un’antica questione: "E’ vero, come pensano in tanti, che gli alpaca sputano; ma succede raramente, quando litigano o se vengono stuzzicati".


© Riproduzione riservata



Tag

Ultimi articoli Vedi tutti

Attualità

Attualità

Attualità

Attualità