Questo sito contribuisce alla audience di 
QUI quotidiano online.  
Percorso semplificato Aggiornato alle 18:11 METEO:ABBADIA SAN SALVATORE12°  QuiNews.net
Qui News amiata, Cronaca, Sport, Notizie Locali amiata
mercoledì 21 aprile 2021
Tutti i titoli:
corriere tv
Milano, le notti violente all'Arco della Pace

Attualità mercoledì 20 marzo 2019 ore 16:55

I sindaci in difesa della pediatria

Appello dei primi cittadini amiatini alla Regione e alla Asl, affinché sia tutelata la sanità nelle zone interne, in attesa di un nuovo pediatra



ROCCALBEGNA — I territori si spopolano e, di conseguenza, i servizi vengono meno. Oppure, al contrario, sono i servizi che vengono meno, motivo per cui i territori si spopolano. La situazione è come un cane che si morde la coda e l'utlimo esempio arriva dalla pediatria.

I sindaci di Roccalbegna, Semproniano e Castell'Azzara sono in allarme per l'eliminazione del servizio di pediatria dai tre paesi amiatini. La Asl Sud Est, in una riunione svoltasi lunedì, ha garantito loro la presenza del pediatra in attesa dell'individuazione di un nuovo professionista. 

Ammesso, però, che se ne trovi uno disposto a prestare servizio in queste zone. Da qui la richiesta dei sindaci alla Regione di nuove leggi a tutela delle zone interne. 

Il caso non è nuovo. In Toscana, ad esempio, in Alta Val di Cecina c'è un comitato di mamme che da anni si batte per difendere la pediatria. Più volte hanno chiesto il mantenimento del servizio all'assessora regionale Stefania Saccardi, portando avanti con tenacia un lungo braccio di ferro fra esigenze del territorio da una parte e razionalizzazione del sistema sanitario dall'altro.

Tag
Iscriviti alla newsletter QUInews ToscanaMedia ed ogni sera riceverai gratis le notizie principali del giorno
L'articolo di ieri più letto
Lieve incremento dei contagi nella provincia rispetto a ieri. Situazione in miglioramento in Val d'Elsa dopo i numeri dei giorni scorsi
Programmazione Cinema Farmacie di turno

Qui Blog di Gianni Micheli

Ultimi articoli Vedi tutti

Attualità

Attualità

Attualità

CORONAVIRUS