Questo sito contribuisce alla audience di 
QUI quotidiano online.  
Percorso semplificato Aggiornato alle 19:15 METEO:ABBADIA SAN SALVATORE16°  QuiNews.net
Qui News amiata, Cronaca, Sport, Notizie Locali amiata
mercoledì 12 maggio 2021
Tutti i titoli:
corriere tv
La Spezia, crolla il ponte levatoio della Darsena di Pagliari: il momento in cui cade tutto

Attualità giovedì 11 febbraio 2021 ore 19:24

Fase 3, iniziate le vaccinazioni al "Papillon"

E' il turno di personale scolastico e Forze dell'ordine. L'insegnante Arianna Gabbrielli è stata la prima a ricevere l'iniezione



MONTERONI D'ARBIA — Oggi, 11 febbraio 2021, è una data da ricordare. Parte ufficialmente la Fase 3, quella che porterà alla vaccinazione di gregge.

Alla discoteca "Papillon" di Monteroni d'Arbia, sede maxi della Asl, è in corso la vaccinazione estesa alle categorie inerenti al mondo scolastico e alle Forze dell'ordine. Gli slot sono già al completo. L'agenda delle prenotazioni si è esaurita nel giro di un paio d'ore.

Gli utenti, minuti di prenotazione, arrivano in base agli appuntamenti concordati e vengono accolti dal personale sanitario che procede con la registrazione individuale. Il soggetto attende il suo turno e dopo pochi minuti viene chiamato per la vaccinazione che si svolge in appositi box. Dopo la somministrazione del siero, il vaccinato passa almeno 15 minuti in osservazione per poi uscire dalla struttura.

La prima ad essere vaccinata è  l’insegnante Arianna Gabbrielli.

Le vaccinazioni dipendono, ovviamente, dal numero di dosi a disposizione. Al momento vengono effettuate oggi, domani e sabato pomeriggio presso la sede maxi, mentre domenica mattina, oltre alla discoteca "Papillon", sarà possibile vaccinarsi anche nelle unità periferiche e più precisamente al poliambulatorio di Pian d’Ovile a Siena, al palazzetto del Bernino a Poggibonsi, alla sala polivalente Ex Macelli a Montepulciano, alla palestra della scuola elementare di Abbadia San Salvatore.

“È un’emozione assistere alla partenza di questa grande sfida che coinvolge l’Asl Toscana Sud Est insieme a tutto il sistema sanitario regionale – ha detto Simona Dei, direttore sanitario dell’Asl Tse –. L’organizzazione è complessa ma ci consente di muoverci su più fronti: in questo caso soprattutto con la riduzione delle possibilità di contagio per le persone più giovani, che possono essere veicolo del virus anche perché si manifesta attraverso forme asintomatiche. E poi da lunedì ci muoveremo per ridurre i rischi di letalità, con il supporto dei medici di medicina generale, utilizzando altri vaccini. Siamo pronti a partire in ogni zona su tutto il territorio, sempre in base ai quantitativi di dosi che avremo a disposizione”. Da parte del direttore sanitario dell’Asl Tse è arrivato anche un ringraziamento per lo sforzo organizzativo messo in campo in pochi giorni: “Un grazie per l’impegno alla nostra struttura, ma anche al Comune di Monteroni d’Arbia, alle associazioni di volontariato e a tutta la comunità che si è stretta intorno a questo progetto. Vuol dire che la grande sfida è stata affidata in buone mani”.

“Il mio ringraziamento – ha detto Gabriele Berni, sindaco di Monteroni d’Arbia – va all’Asl Toscana sud est per aver scelto Monteroni come punto di partenza per fronteggiare l’emergenza sanitaria. La mia generazione è cresciuta in questo locale, in un’età in cui si coltivano sogni e si vede un futuro ricco di relazioni sociali. Sono orgoglioso che proprio qui ci sia un punto di ripartenza per riacquistare quella libertà che la pandemia ci ha in gran parte tolto da marzo scorso”.

Iscriviti alla newsletter QUInews ToscanaMedia ed ogni sera riceverai gratis le notizie principali del giorno
L'articolo di ieri più letto
Il pavimento di una casa ha ceduto e un uomo è caduto al piano sottostante. Recuperato dai vigili del fuoco è stato trasportato in ospedale dal 118
Programmazione Cinema Farmacie di turno

Qui Blog di Monica Nocciolini



Ultimi articoli Vedi tutti

Attualità

Attualità

Attualità

CORONAVIRUS