Questo sito contribuisce alla audience di 
QUI quotidiano online.  
Percorso semplificato Aggiornato alle 18:11 METEO:ABBADIA SAN SALVATORE14°27°  QuiNews.net
Qui News amiata, Cronaca, Sport, Notizie Locali amiata
giovedì 17 giugno 2021
Tutti i titoli:
corriere tv
Euro2020, paracadutista sullo stadio prima di Germania-Francia: urta un cavo e rischia finire sulle tribune

Attualità venerdì 22 gennaio 2021 ore 10:08

Lesioni cutanee, per valutarle ora basta un tablet

Gli infermieri dotati di 14 apparecchi per una relazione continua con i pazienti. Il servizio della Sud Est nell'ospedale di Abbadia



SIENA — Quattordici tablet a disposizione della Rete lesioni cutanee della Asl Toscana Sud Est. Questo il risultato del premio di Federsanità-Sham ed il riconoscimento del Journal of wound care, ottenuti lo scorso anno, grazie ai progetti presentati da Sara Sandroni sulla gestione del trattamento di questo genere di patologie.

"Andranno ai nostri infermieri - spiega la Responsabile professionale del servizio, appunto Sara Sandroni. - Serviranno per fotografare le lesioni, per avere una relazione costante con i pazienti, per verificare le singole situazioni sia con gli infermieri della nostra rete, sia con gli specialisti".

Le lesioni cutanee sono in crescita a causa dell'invecchiamento della popolazione e l'aumento delle cronicità. "Un fenomeno - prosegue - che coinvolge molti aspetti della vita degli assistiti e che rende necessaria una presa in carico totale. Il monitoraggio continuo consente di non sottovalutare nessun aspetto e di intervenire in maniera tempestiva, sempre accanto al paziente".

L'Azienda sanitaria ha attivato da tempo una rete di infermieri che collaborano con medici di medicina generale, medici specialisti ospedalieri, chirurghi generali e vascolari, dermatologi ed ortopedici, piede diabetico, nutrizionisti e fisiatri.

A questo servizio si accede attraverso il medico di medicina generale o lo specialista. La visita può essere a domicilio, qualora il paziente non sia in grado di raggiungere una delle sedi della Rete lesioni cutanee che sono distribuiti nelle tre province. In quella di Arezzo negli Ospedali San Donato, Gruccia e Distretto Bibbiena. In quella di Grosseto sia all’Ospedale Misericordia che a quello di Castel del Piano e a Siena nell’Ospedale di Abbadia San Salvatore.

“La Rete delle lesioni cutanee – conclude Silvia Bellucci Direttore della UOP Innovazione e ricerca in ambito infermieristico ed ostetrico - è stata fortemente voluta nel modello organizzativo del Direttore del Dipartimento Infermieristico, Lorenzo Baragatti e costituisce un valore aggiunto per il nostro assistito. In particolare l’impiego di tecnologie consente di operare in rete con gli altri professionisti sanitari implementando attraverso la professionalità di infermieri con competenze avanzate, il modello assistenziale domiciliare”.

Tag
Iscriviti alla newsletter QUInews ToscanaMedia ed ogni sera riceverai gratis le notizie principali del giorno
L'articolo di ieri più letto
Emergenza Covid, il dato è in controtendenza rispetto all'andamento del contagio nelle altre nove province toscane. Gli attualmente positivi sono 347
Offerte lavoro Toscana Programmazione Cinema Farmacie di turno

Qui Blog di Nicola Belcari



Ultimi articoli Vedi tutti

Attualità

Attualità

Attualità

Attualità