QUI quotidiano online. Registrazione Tribunale di Firenze n. 5935 del 27.09.2013
ABBADIA SAN SALVATORE
Oggi 10° 
Domani 7° 
Un anno fa? Clicca qui
Qui News amiata, Cronaca, Sport, Notizie Locali amiata
martedì 10 dicembre 2019

Attualità lunedì 25 novembre 2019 ore 09:55

Un'intesa per la messa alla prova dei detenuti

Protocollo tra Società della salute, istituzioni e associazioni per la messa alla prova dei detenuti con pene inferiori ai quattro anni



SIENA — Anche in diversi Comuni del senese si potrà ricorrere alla messa alla prova, ovvero la misura che consente agli imputati puniti con la sola pena pecuniaria o con la pena detentiva non superiore a quattro anni, di accedere a un programma di trattamento riabilitativo alternativo alla pena. Lo rende noto la Società della salute senese.

L'iniziativa è frutto di una convenzione con il ministero della giustizia e di un protocollo di intesa fra Società della Salute Senese, Fondazione Territori Sociali Altavaldelsa (Ftsa), la Società della Salute Altavaldelsa, l’Ufficio di Esecuzione Penale Esterno (Uepe di Siena e Grosseto), la Casa Circondariale di Siena, la Casa di Reclusione di San Gimignano, l’associazione Aleteia - Studi e ricerche giustizia riparativa e mediazione e l’associazione Apab.

Il programma prevede come attività obbligatorie: l’esecuzione di lavori di pubblica utilità presso i Comuni che hanno aderito all’accordo, l’attuazione di condotte riparative, finalizzate a eliminare le conseguenze dannose o pericolose derivanti dal reato, il risarcimento del danno cagionato e, ove possibile, l’attività di mediazione con la vittima del reato.

“Dopo due anni di lavoro finalizzati al raggiungimento dell’accordo – sottolineano i responsabili delle associazioni Aleteia, Apab e Il Telaio delle Idee, che svolgono la preziosa attività di promozione e facilitazione della misura - siamo veramente lieti della sottoscrizione di questo Protocollo d’Intesa che, da un lato, permette, di rendere più efficace il percorso di reinserimento sociale e di responsabilizzazione di coloro che hanno commesso un reato, consentendo loro di accedere, in ogni fase del procedimento penale, a servizi di giustizia riparativa e, dall’altro, di conferire risorse per contribuire al miglioramento dei vari servizi offerti da enti locali e da associazioni”.

“E’ un passo importante – aggiunge Giuseppe Gugliotti, presidente della Società della Salute Senese - che testimonia l’attenzione delle nostre Società della Salute e dei nostri Comuni nei confronti di progetti di reale promozione delle persone e, allo stesso tempo, ne evidenzia la capacità di cogliere opportunità per coinvolgere risorse nelle attività di servizio alla comunità”.



Tag

Renzo Bossi: «I 49 milioni erano sul conto quando papà se ne andò»

Ultimi articoli Vedi tutti

Attualità

Attualità

Cronaca

Lavoro