Questo sito contribuisce alla audience di 
QUI quotidiano online.  
Percorso semplificato Aggiornato alle 18:35 METEO:ABBADIA SAN SALVATORE17°  QuiNews.net
Qui News amiata, Cronaca, Sport, Notizie Locali amiata
sabato 08 maggio 2021
Tutti i titoli:
corriere tv
Laura Boldrini racconta la sua malattia: «Ho scoperto per caso il tumore: è stata come un'onda anomala che mi ha travolto»

Attualità giovedì 29 aprile 2021 ore 14:42

Niente caffè al bancone, associazioni sugli scudi

Fipe Confcommercio e Fiepet Confesercenti criticano aspramente il divieto di somministrazione al banco e si rivolgono al MISE



SIENA — “La circolare del 24 aprile con cui il Ministero dell’Interno ritiene che il DL 'Riaperture' vieta ai bar la possibilità di effettuare la somministrazione al banco è giuridicamente incomprensibile e non ha alcun fondamento di sicurezza sanitaria”.

Vanno al cuore del problema Fipe Confcommercio Siena e Fiepet Confesercenti Siena, le due associazioni che rappresentano bar e ristoranti. La nuova normativa all’interno del Decreto Sostegni in sostanza chiede ai bar di fare somministrazione al banco solo in presenza di strutture all’aperto. Una indicazione che, di fatto, crea ulteriori problemi ai 565 bar presenti nella provincia di Siena.

In sostanza, stando alla circolare del Ministero dell’Interno, la somministrazione al bancone non si potrà fare prima del 1° luglio mentre a partire dal 1° giugno sarà possibile consumare al chiuso, ma al tavolo.

“Siamo di fronte ad un attacco vero e proprio del modello di offerta del bar italiano – alzano la voce Marco Cioni, presidente Fipe Confcommercio Siena e Michele Vitale presidente Fiepet Confesercenti Siena - che si differenzia da quelli degli altri paesi proprio perché basato sul consumo al banco. Un provvedimento incomprensibile, punitivo ingiustificato anche sotto il profilo scientifico sui rischi sanitari che si corrono. Anzi, la scienza continua a sostenere che il rischio di contagio cresce con l’aumento del tempo di contatto. Quindi quella interpretazione deve essere rivista”.

Per dare voce ai 565 bar del territorio senese, Fipe Confcommercio Siena e Fiepet Confesercenti Siena chiedono dunque un intervento urgente da parte del MISE. “Ormai il tema della salute pubblica non può essere separato da quello della tenuta di un intero settore produttivo. Siamo già oltre il baratro. Quando se ne renderanno conto a Roma? Di fatto per i bar hanno inserito così tante restrizioni che è come essere in zona arancio. Quindi sono urgenti a questo punto nuovi sostegni. Veri, non fittizi come nel decreto precedente”.

“Un paradosso giuridico e sanitario - terminano i due presidenti – In zona gialla i bar hanno sempre avuto la possibilità di effettuare la somministrazione al banco anche in virtù del fatto che si tratta di un consumo veloce, che non implica una lunga permanenza all’interno degli esercizi. Questa norma è peggiorativa e crea grandi differenze tra chi spazio all’aperto ce lo ha e chi no”.

Tag
Iscriviti alla newsletter QUInews ToscanaMedia ed ogni sera riceverai gratis le notizie principali del giorno
L'articolo di ieri più letto
In forte calo il numero dei casi registrati nelle ultime ore. Migliora anche la situazione in Val d'Elsa. I senesi in carico alla Asl sono 1218
Programmazione Cinema Farmacie di turno

Qui Blog di Federica Giusti



Ultimi articoli Vedi tutti

CORONAVIRUS

Imprese & Professioni

Attualità

Attualità