Questo sito contribuisce alla audience di 
QUI quotidiano online.  
Percorso semplificato Aggiornato alle 18:05 METEO:ABBADIA SAN SALVATORE13°27°  QuiNews.net
Qui News amiata, Cronaca, Sport, Notizie Locali amiata
martedì 03 agosto 2021
Tutti i titoli:
corriere tv
Tita e Banti: «Ci siamo conosciuti per caso, orgogliosi di essere la prima medaglia d'oro mista dell'Italia»

Attualità giovedì 25 febbraio 2021 ore 15:45

Crisi Covid, "servono alternative alle chiusure"

Confcommercio e Confesercenti aderiscono alla manifestazione del primo marzo. A Siena si terrà in piazza Duomo, di fronte alla Prefettura, alle 11



SIENA — Confcommercio Siena e Confesercenti Siena aderiscono alla mobilitazione organizzata da Confcommercio Toscana e Confesercenti Toscana in programma lunedì 1 marzo e che coinvolgerà gli imprenditori del terziario di tutta la regione per reclamare una diversa gestione dell’emergenza, alternativa alle chiusure imposte dalle normative anti-Covid. 

A Siena il raduno si terrà in piazza Duomo di fronte alla Prefettura, alle 11, con presenza statica, mascherine e rispetto del distanziamento e di tutte le norme anti Covid. Titolari di azienda, liberi professionisti, dipendenti e collaboratori, ma anche semplici cittadini , in piedi, uno accanto all’altro (ma a distanza di sicurezza) mostrando alcuni cartelli esplicativi, testimonieranno come e quanto le loro attività siano interconnesse, tanto che la chiusura imposta ad alcune si riflette in una consistente flessione del lavoro per tutti.

L’iniziativa senese è stata presentata durante la conferenza stampa, questa mattina, nella sede della Camera di Commercio di Siena, alla presenza di Stefano Bernardini, presidente Confcommercio Siena, Leonardo Nannizzi Presidente Confesercenti Siena, e di Daniele Pracchia, direttore Confcommercio Siena e Valter Fucecchi, direttore Confesercenti Siena: “le nostre associazioni rappresentano oltre 4mila imprese del terziario senese e da un anno stiamo raccogliendo la sollecitazione di tutti i nostri iscritti in difficoltà. Dagli imprenditori del turismo, che hanno visto crollare i loro fatturati fino al 90%. Ai pubblici esercizi, aperti e chiusi a singhiozzo ormai da mesi, con i loro dipendenti, i loro fornitori; ai titolari di palestre, cinema, locali da ballo e altri luoghi di intrattenimento, tutti i professionisti e lavoratori che a vario titolo ‘fanno’ il terziario: grafici, commercialisti, comunicatori, grossisti, trasportatori e così via”.

“Con questa iniziativa vogliamo chiedere, tutti insieme, un cambio di passo: le imprese vogliono lavorare, non vivere di sussidi e sono pronte ad assumersi la responsabilità di farlo in piena sicurezza"

A conclusione della manifestazione, il 1 marzo una delegazione delle due associazioni di categoria consegnerà un documento unitario al Prefetto di Siena, contenente le richieste da rilanciare urgentemente.

Tag
Iscriviti alla newsletter QUInews ToscanaMedia ed ogni sera riceverai gratis le notizie principali del giorno
L'articolo di ieri più letto
L'incidente questa mattina nella Strada provinciale 408. Ferito un 32enne, portato al Pronto soccorso in codice giallo
Offerte lavoro Toscana Programmazione Cinema Farmacie di turno

Qui Blog di Davide Cappannari

QUI Condoglianze



Qui Ambiente

Ultimi articoli Vedi tutti

Attualità

Cronaca

Attualità

Attualità