Questo sito contribuisce alla audience di 
QUI quotidiano online.  
Percorso semplificato Aggiornato alle 18:11 METEO:ABBADIA SAN SALVATORE12°  QuiNews.net
Qui News amiata, Cronaca, Sport, Notizie Locali amiata
mercoledì 21 aprile 2021
Tutti i titoli:
corriere tv
Milano, le notti violente all'Arco della Pace

Attualità domenica 06 dicembre 2020 ore 07:00

​Geotermia, altolà alla Regione

Dalla Val d'Orcia lettera aperta di Ecosistema all’assessore Monni: perplessità sulle centrali, road map per confrontarsi e tutelare il territorio



SIENA — Nell’era del climate change la tutela ambientale è il tema con cui misurarsi. A cominciare dalle decisioni politiche e dalla visione di chi ha responsabilità di governo.
Il tema è al centro di una lettera aperta indirizzata all’assessore regionale all’Ambiente Monia Monni. Mittente: Ecosistema, un coordinamento attivo sui territori Amiata, Val d’Orcia e Valdichiana, costituito da un gruppo di associazioni (Club Unesco Siena, Gruppo di Lavoro per la Val d’Orcia, Italia Nostra Siena, Italia nostra Toscana, Legambiente Circolo Terra e Pace, Opera Val d’Orcia, Pyramid, Rete dei Comitati per la difesa del territorio), ma anche da amministratori locali, operatori economici, studiosi, professionisti, cittadini, in collegamento con altri comitati sul territorio provinciale e regionale.
“Siamo tutti soggetti operanti nel sud della provincia di Siena, in un’area considerata troppo spesso periferica rispetto alla sede regionale, soprattutto l’Amiata, nella quale da decenni si sfrutta intensamente la risorsa geotermica. Risorsa sulla quale da tempo ci interroghiamo, coinvolgendo persone qualificate in convegni, iniziative pubbliche, rapporti istituzionali che si occupano di un argomento tanto complesso e che richiede, per noi che lo viviamo da vicino, un approccio multiplo e attento”, scrivono gli esponenti di Ecosistema all'assessore toscano.

Nella lettera aperta si fa riferimento al convegno tenuto a San Quirico d’Orcia il 14 dicembre 2019. “Centrale geotermica Le Cascinelle: aspetti valutativi e propositivi del territorio Val d'Orcia”, è stato il tema.
“Occasione particolarmente partecipata che ha permesso un significativo momento di approfondimento grazie alla partecipazione di vulcanologi, geologi, storici, paesaggisti, amministrativisti. Perché, se è vero che la risorsa geotermica può essere rivendicata come centrale per la Regione, coprendo già ben il 70 per cento dell'energia elettrica prodotta da fonti rinnovabili in Toscana, è altrettanto vero che sempre più interessi si stanno muovendo verso quelli che lei chiama "margini di sviluppo": nonostante la rilevante quota già dedicata al geotermico genericamente inteso, infatti, si prevede di poter allargare ancora la sua quota”. E' sull'idea di allargare la quota che Ecosistema tiene alte le antenne.

Gli esponenti di Ecosistema da anni seguono “i tanti progetti di permessi di ricerca e di nuove centrali geotermiche che stanno spuntando un po' ovunque sul nostro territorio; come conosciamo il forte e crescente malcontento sociale che questa condizione sta generando”.
L’occasione per la lettera aperta all’assessore regionale, muove da un’intervista di Monni a Greenreport, nella quale considera “centrale promuovere una partecipazione reale della cittadinanza”. Concetto che Ecosistema apprezza e rilancia ma al tempo stesso manifesta perplessità condivise da istituzioni locali sui nuovi progetti di centrali all'orizzonte”.
Il punto per Ecosistema è molto chiaro e ruota attorno a una maggiore consapevolezza del valore dell’integrità di territori a “vocazione culturale ed economica”. 

Consapevolezza manifestata da amministratori che “non intendono tradire gli impegni assunti con i cittadini, imprenditori che hanno investito con passione in agricoltura biologica, turismo di qualità, servizi su un territorio che ha nel paesaggio una risorsa fondamentale, un’idea stessa di attenzione e cura dell’ambiente sempre più interiorizzata dalle nostre comunità locali che intendono essere protagoniste attive del proprio futuro”.
Ecosistema propone all’assessore Monni una road map lungo la quale confrontarsi. E visto che per l’assessore regionale la partecipazione e l’ascolto sono la cifra del nuovo corso, Ecosistema è pronto a interagire. In maniera costruttiva, dati alla mano. 

Tag
Iscriviti alla newsletter QUInews ToscanaMedia ed ogni sera riceverai gratis le notizie principali del giorno
L'articolo di ieri più letto
Lieve incremento dei contagi nella provincia rispetto a ieri. Situazione in miglioramento in Val d'Elsa dopo i numeri dei giorni scorsi
Programmazione Cinema Farmacie di turno

Qui Blog di Gianni Micheli

Ultimi articoli Vedi tutti

Attualità

Attualità

Attualità

CORONAVIRUS