QUI quotidiano online. Registrazione Tribunale di Firenze n. 5935 del 27.09.2013
ABBADIA SAN SALVATORE
Oggi 7° 
Domani 8° 
Un anno fa? Clicca qui
Qui News amiata, Cronaca, Sport, Notizie Locali amiata
martedì 21 gennaio 2020

Attualità lunedì 23 dicembre 2019 ore 09:00

Ecco la nuova Tc di ultima generazione

D’Urso: “Si completa un ciclo di investimenti in Radiologia. Potenziamo le tecnologie dell’ospedale per migliorare la qualità delle prestazioni”



MONTEPULCIANO — La Radiologia dell’ospedale di Nottola ha una nuova Tc (Tomografia Computerizzata) di ultima generazione, inaugurata la mattina del 20 dicembre dopo un periodo di test e monitoraggio.

Presenti alla cerimonia tra gli altri, il presidente della terza Commissione consiliare della Regione Toscana, Stefano Scaramelli , il direttore generale dell’Ausl Toscana sud est Antonio D’Urso, il direttore degli ospedali riuniti della Valdichiana Senese Rosa La Mantia , il primario di Radiologia di Nottola Enrico Saloni , il direttore del dipartimento Diagnostica per immagini e Medicina di laboratorio Morando Grechi, e di alcuni operatori della Sud Est. 

All’iniziativa ha partecipato, in qualità di vicepresidente della SdS Amiata Senese e Val d’Orcia - Valdichiana Senese, anche il sindaco del Comune di Abbadia San Salvatore Fabrizio Tondi.

La nuova TC General Electric Revolution Evo 64 rows è una apparecchiatura analoga alla nuova TC installata all'ospedale “San Donato” di Arezzo e fa parte di un lotto di 5 macchine acquistate dalla Sud Est. 

"Le qualità tecniche di questa apparecchiatura  - sottolinea l'azienda sanitaria- hanno consentito una serie di migliorie a vantaggio della salute degli assistiti: riduzione della dose radiante alla quale è esposto il paziente, sensibile aumento della velocità di esecuzione dell'esame, riduzione della quantità di mezzo di contrasto iodato somministrato al paziente e una crescita della accuratezza diagnostica, considerata la migliore risoluzione spaziale e temporale".

“L'apparecchio consente, inoltre, di effettuare studi di perfusione dinamici e di migliorare anche il comfort percepito dal paziente, favorendo tempi rapidissimi di esecuzione di esame e un accesso più facile anche per le persone di taglia maggiore - ha aggiunto il dottor Enrico Saloni -. Il flusso di pazienti è gestito attivamente nelle 24 ore, con presenza costante del medico radiologo”.



Tag

Gregoretti, De Falco: "Differenze con Diciotti all'epoca non c'erano le regionali"

Ultimi articoli Vedi tutti

Attualità

Attualità

Attualità

Attualità