Questo sito contribuisce alla audience di 
QUI quotidiano online.  
Percorso semplificato Aggiornato alle 14:43 METEO:ABBADIA SAN SALVATORE9°  QuiNews.net
Qui News amiata, Cronaca, Sport, Notizie Locali amiata
sabato 06 marzo 2021
Tutti i titoli:
corriere tv
Sanremo, l'annuncio ufficiale: «Dopo due Festival così, non ci sarà un Ama-ter»

Attualità lunedì 23 dicembre 2019 ore 09:00

Ecco la nuova Tc di ultima generazione

D’Urso: “Si completa un ciclo di investimenti in Radiologia. Potenziamo le tecnologie dell’ospedale per migliorare la qualità delle prestazioni”



MONTEPULCIANO — La Radiologia dell’ospedale di Nottola ha una nuova Tc (Tomografia Computerizzata) di ultima generazione, inaugurata la mattina del 20 dicembre dopo un periodo di test e monitoraggio.

Presenti alla cerimonia tra gli altri, il presidente della terza Commissione consiliare della Regione Toscana, Stefano Scaramelli , il direttore generale dell’Ausl Toscana sud est Antonio D’Urso, il direttore degli ospedali riuniti della Valdichiana Senese Rosa La Mantia , il primario di Radiologia di Nottola Enrico Saloni , il direttore del dipartimento Diagnostica per immagini e Medicina di laboratorio Morando Grechi, e di alcuni operatori della Sud Est. 

All’iniziativa ha partecipato, in qualità di vicepresidente della SdS Amiata Senese e Val d’Orcia - Valdichiana Senese, anche il sindaco del Comune di Abbadia San Salvatore Fabrizio Tondi.

La nuova TC General Electric Revolution Evo 64 rows è una apparecchiatura analoga alla nuova TC installata all'ospedale “San Donato” di Arezzo e fa parte di un lotto di 5 macchine acquistate dalla Sud Est. 

"Le qualità tecniche di questa apparecchiatura  - sottolinea l'azienda sanitaria- hanno consentito una serie di migliorie a vantaggio della salute degli assistiti: riduzione della dose radiante alla quale è esposto il paziente, sensibile aumento della velocità di esecuzione dell'esame, riduzione della quantità di mezzo di contrasto iodato somministrato al paziente e una crescita della accuratezza diagnostica, considerata la migliore risoluzione spaziale e temporale".

“L'apparecchio consente, inoltre, di effettuare studi di perfusione dinamici e di migliorare anche il comfort percepito dal paziente, favorendo tempi rapidissimi di esecuzione di esame e un accesso più facile anche per le persone di taglia maggiore - ha aggiunto il dottor Enrico Saloni -. Il flusso di pazienti è gestito attivamente nelle 24 ore, con presenza costante del medico radiologo”.

Tag
Iscriviti alla newsletter QUInews ToscanaMedia ed ogni sera riceverai gratis le notizie principali del giorno
Programmazione Cinema Farmacie di turno

Ultimi articoli Vedi tutti

CORONAVIRUS

Attualità

Attualità

Attualità