QUI quotidiano online. Registrazione Tribunale di Firenze n. 5935 del 27.09.2013
ABBADIA SAN SALVATORE
Oggi 14°14° 
Domani 12°21° 
Un anno fa? Clicca qui
Qui News amiata, Cronaca, Sport, Notizie Locali amiata
domenica 20 ottobre 2019

Attualità lunedì 08 agosto 2016 ore 17:14

Rinvenuto 'miracolosamente' uno statuto del 1255

Lo Statuto del 1255 della comunità Radicofani è una scoperta eccezionale ed è stato presentato per la prima volta in pubblico domenica 7 agosto



RADICOFANI — Il corposo rinvenimento per la comunità di Radicofani, un frammento molto ampio composto da 65 articoli, è avvenuto fortunosamente nella Biblioteca comunale forteguerriana di Pistoia, è una doppia rarità: statuti di quel periodo sono rarissimi, e soprattutto sono relativi a città molto più grandi. Solo dopo il 1300 si cominciano ad elaborare statuti nei centri più piccoli: ciò testimonia l’importanza di Radicofani in epoca medievale.

La conservazione del manoscritto su pergamena si deve ai frati Minori osservanti di Giaccherino, che nel Settecento fecero acquisto di opere antiche. Poi, dopo la soppressione del convento, il passaggio in biblioteca. Complicazione ulteriore, lo Statuto di Radicofani è stato “riciclato” per sostenere la rilegatura di opere di Vitruvio. Da qui il “miracolo” del rinvenimento.

Per l’anteprima sono intervenuti l’archivista Patrizia Turrini che ha fatto una comparazione con gli statuti toscani medievali; il docente dell’università La Sapienza di Roma Marco Fabbri, nonché direttore scientifico del Centro studi Ghino di Tacco che si è occupato di una analisi sociologica delle norme del 1255. In chiusura ha poi preso la parola lo storico e consigliere comunale Fausto Cecconi.



Tag

Meloni a Roma: «Cinquestelle stretti in auto blu come sardine in salamoia»

Ultimi articoli Vedi tutti

Attualità

Lavoro

Attualità

Attualità