Questo sito contribuisce alla audience di 
QUI quotidiano online.  
Percorso semplificato Aggiornato alle 14:36 METEO:ABBADIA SAN SALVATORE16°31°  QuiNews.net
Qui News amiata, Cronaca, Sport, Notizie Locali amiata
domenica 25 luglio 2021
Tutti i titoli:
corriere tv
No Green Pass, le manifestazioni in tutta Italia: le immagini da Roma, Milano, Napoli e Torino

Attualità mercoledì 18 maggio 2016 ore 18:27

Amiata presto riconosciuta area di crisi regionale

Ad annunciarlo il presidente della Regione Rossi, insieme agli assessori Marco Remaschi e Federica Fratoni all'incontro con i sindaci



AMIATA — Il riconoscimento di area di crisi consentirà alle imprese di accedere a diverse premialità sui bandi regionali per i finanziamenti allo sviluppo e la possibilità di partecipare al prossimo bando sui lavori di pubblica utilità a favore dei lavoratori privi di protezione sociale

“La notizia più importante – commentano Leonardo Marras, Stefano Scaramelli e Simone Bezzini – è senza dubbio la decisione di riconoscere l’Amiata quale zona di crisi regionale: una risposta concreta alla difficile situazione occupazionale che l’area sta vivendo, di cui la vicenda Floramiata, purtroppo, è soltanto un esempio. Non sarà questo atto a dare soluzione al problema, ne siamo consapevoli, ma è sicuramente un primo passo importante e la dimostrazione che alla Regione sta a cuore l’Amiata”.

“Noi continueremo a vigilare – proseguono i consiglieri – e a mantenere alta l’attenzione della giunta su questo territorio perché si avvii, anche qui, un percorso di rinascita economica. Una strada che passerà anche dalla promozione turistica, alla luce del protocollo firmato poco fa che rilancia l’Amiata sul mercato turistico internazionale come destinazione unitaria”.

“Il Progetto Amiata – conclude Marras – potrebbe partire dalla risorsa geotermica, ha specificato il presidente Rossi. Sono d’accordo. Come ho detto altre volte, e come abbiamo scritto chiaramente nella nostra risoluzione, è importante chiedere a chi gestisce l’energia geotermica (in questo caso Enel) di investire in maniera rilevante sui territori interessati in termini di fornitura di servizi, assistenza e manutenzione, vantaggi economici nel prezzo dell’energia, attrazione di nuovi potenziali investitori che possano fare impresa sfruttando i vantaggi del calore geotermico”.

Tag
Iscriviti alla newsletter QUInews ToscanaMedia ed ogni sera riceverai gratis le notizie principali del giorno
L'articolo di ieri più letto
Il dato odierno più alto a Poggibonsi, seguita dal capoluogo. Stabile il numero dei ricoverati. Sono 232 i positivi in carico alla Asl
Offerte lavoro Toscana Programmazione Cinema Farmacie di turno

Qui Blog di Davide Cappannari

QUI Condoglianze



Qui Ambiente

Ultimi articoli Vedi tutti

CORONAVIRUS

Attualità

Sport

CORONAVIRUS