Questo sito contribuisce alla audience di 
QUI quotidiano online.  
Percorso semplificato Aggiornato alle 18:05 METEO:ABBADIA SAN SALVATORE13°27°  QuiNews.net
Qui News amiata, Cronaca, Sport, Notizie Locali amiata
martedì 03 agosto 2021
Tutti i titoli:
corriere tv
Tita e Banti: «Ci siamo conosciuti per caso, orgogliosi di essere la prima medaglia d'oro mista dell'Italia»

Attualità martedì 08 marzo 2016 ore 19:36

Le novità per l'ospedale di Castel del Piano

L'incontro tra il direttore generale Desideri e i sindaci della Zona distretto 3 ha permesso di chiarire le sorti del servizio sanitario di quest'area



CASTEL DEL PIANO — Si è chiuso il ciclo di incontri del direttore generale dell'Azienda Usl Toscana sudest, Enrico Desideri, che ha fatto il punto sulla situazione dell'Amata grossetana che comprende i comuni di Arcidosso, Castel del piano, Seggiano, Castell’Azzara, Santa Fiora, Cinigiano, Roccalbegna e Semproniano.

Le criticità dell'Amata grossetana, tradizionalmente meno popolata delle altre, non si discostano da quelle che caratterizzano il resto della provincia; accentuata forse dalla presenza di anziani e un alta percentuale di stranieri che determinano una diversa domanda socio-asssitenzile e sanitaria.

Pertanto arrivano delle rassicurazioni per il presidio di Castel del Piano. “L’ospedale di Castel, infatti, sarà rafforzato e riconsiderato - ha detto Desideri - nell’ottica dell’integrazione con l'assistenza territoriale, secondo il modello delle reti cliniche integrate e della rete orizzontale tra ospedali”. 

Negli ultimi anni è stato oggetto di importanti interventi di ristrutturazione, in parte ancora in corso; al suo interno è stata aperta la Casa della salute (la prima di quelle previste nella ex Asl 9) e l’ospedale di comunità. A breve sarà installata una nuova risonanza magnetica osteoarticolare e, entro l’anno, il mammografo digitale. Anche a Castel del Piano, infine, il personale del pronto soccorso sarà formato per la gestione dell’emergenza pediatrica, attraverso protocolli condivisi con il Dipartimento di Emergenza-urgenza e quello Materno-infantile.

Per quanto riguarda l’assistenza territoriale, sarà implementato il ruolo dell’Aggregazione funzionale territoriale (Aft) nella Casa della salute, per il governo delle liste di attesa e la presa in carico dei pazienti cronici.
A giorni è previsto il trasferimento, al secondo piano del presidio, dell’ospedale di comunità, che raddoppia i posti letto da quattro a otto, dei due posti dell’hospice e dei sei posti per riabilitazione ex articolo 26.

Entro l’estate saranno aperte le elisuperfici di Cinigiano e Roccalbegna; partiranno i cantieri per Castall’Azzara, dove il campo sportivo è stato abilitato per il volo notturno.

Tag
Iscriviti alla newsletter QUInews ToscanaMedia ed ogni sera riceverai gratis le notizie principali del giorno
L'articolo di ieri più letto
L'incidente questa mattina nella Strada provinciale 408. Ferito un 32enne, portato al Pronto soccorso in codice giallo
Offerte lavoro Toscana Programmazione Cinema Farmacie di turno

Qui Blog di Davide Cappannari

QUI Condoglianze



Qui Ambiente

Ultimi articoli Vedi tutti

CORONAVIRUS

Attualità

Cronaca

Attualità