QUI quotidiano online. Registrazione Tribunale di Firenze n. 5935 del 27.09.2013
ABBADIA SAN SALVATORE
Oggi 16°16° 
Domani 12°20° 
Un anno fa? Clicca qui
Qui News amiata, Cronaca, Sport, Notizie Locali amiata
mercoledì 16 ottobre 2019

Attualità giovedì 06 ottobre 2016 ore 10:00

L'hi tech porta il marchio made in Maremma

Dopo l’apertura di Certema, nel Laboratorio Tecnologico Multidisciplinare sono stati portati avanti molti progetti di ricerca, tra cui il dito bionico



CINIGIANO — Nei suoi primi 7 mesi di attività, Certema, il Laboratorio Tecnologico Multidisciplinare ad accesso aperto della provincia di Grosseto, con sede a Borgo Santa Rita, nel Comune di Cinigiano, è già diventato un punto di riferimento di eccellenza in Italia e ha già dato un importante contributo a diversi progetti di ricerca.

Ad darne conto è sta il presidente Fosco Tosti nell'ambito di una conferenza stampa che ha voluto fare il punto sulle attività sinora svolte. Prototipi di robotica, ricerche sulla propagazione dei terremoti in superficie, realizzazione di parti speciali di acceleratori di particelle sono solo alcuni dei progetti che hanno trovato linfa vitale in questo laboratorio.

Complessivamente sono 70 le aziende provenienti dall’Italia e dall’estero, che hanno visitato Certema, 14 i progetti e gli studi di fattibilità già realizzati o in corso di realizzazione per major companies, 9 i progetti per le università e gli Enti di ricerca,tra i quali spiccano il prestigioso Cern di Ginevra, l’istituto nazionale di fisica nucleare, il Cerm di Firenze, la Scuola Sant’Anna di Pisa; l’Università di Cassino, l’Università di Pisa, la Sapienza di Roma e il Consiglio nazionale delle Ricerche, 4 gli accordi di collaborazionecon il mondo universitario e della ricerca, due già operativi, con il CERM e l’Università Roma Tre e due in fase di definizione, con il DIFE, dipartimento di Ingegneria industriale di Firenze e con il dipartimento di Fisica e Geologia dell’Università di Perugia. 

Il Laboratorio Tecnologico di Borgo Santa Rita, inaugurato lo scorso 29 febbraio, è nato da un consorzio di sei imprese, con la collaborazione della Scuola Superiore Sant’Anna di Pisa e il contributo della Regione Toscana e della Provincia di Grosseto. 

Tra le realizzazioni da evidenziale c'è il dito bionico sensorizzato della Scola Sant'Anna di Pisa realizzato con una stampante 3D per metalli e che restituisce sensibilità attraverso una protesi robotica ha chi ha perso un arto.



Tag

Siria, Trump: "Tradimento? I Curdi non ci aiutarono durante la Seconda Guerra Mondiale"

Ultimi articoli Vedi tutti

Lavoro

Attualità

Attualità

Attualità