Questo sito contribuisce alla audience di 
QUI quotidiano online.  
Percorso semplificato Aggiornato alle 12:24 METEO:ABBADIA SAN SALVATORE7°  QuiNews.net
Qui News amiata, Cronaca, Sport, Notizie Locali amiata
venerdì 02 dicembre 2022
Tutti i titoli:
corriere tv
Ecco il Var che dà ragione al Giappone

Attualità mercoledì 05 ottobre 2022 ore 11:35

Il teleriscaldamento geotermico si fa più ampio

Adesso arriva anche al Convento San Bartolomeo, antica dimora di grande pregio architettonico e storico, e oggi resort charme di alto livello



PIANCASTAGNAIO — Proseguono le connessioni all’impianto di teleriscaldamento geotermico di Piancastagnaio, inaugurato lo scorso febbraio per ampia parte dell’area residenziale del territorio comunale dopo che negli anni precedenti erano già state attivate le zone artigianali di “La Rota” e “Casa del Corto”, oltre al termodotto già esistente e ottimizzato nel tempo dedicato a Floramiata: in questi giorni, infatti, il riscaldamento geotermico ha iniziato servire il Convento San Bartolomeo, antica dimora di grande pregio architettonico e storico, oggi resort charme di alto livello sulle pendici del monte Amiata.

Un passo importante, che unisce tradizione e innovazione, bellezza e sostenibilità, nobile antichità ed energie rinnovabili e che acquista ancora più valore in questo frangente di crisi energetica con i costi elevati del gas: oltre agli importanti benefici ambientali, infatti, la risorsa rinnovabile geotermica per gli usi termici e di acqua calda sanitaria consente di ottenere un significativo risparmio economico. Un elemento che, unito ai temi di sostenibilità, innovazione e benessere dei cittadini, costituisce un modello di economia circolare a cui ispirarsi.

Il teleriscaldamento residenziale di Piancastagnaio è il risultato di un percorso di collaborazione tra Comune di Piancastagnaio ed Enel Green Power, iniziato alcuni anni fa per portare il calore nelle case, nei negozi, nei laboratori artigianali. Con la realizzazione del secondo stralcio, giunto alle fasi conclusive, il centro abitato di Piancastagnaio diventerà completamente carbon free con circa mille utenze potenzialmente teleriscaldate, quindi senza emissioni da caldaie e stufe a legna, azzeramento della CO2 da fonti di riscaldamento e niente polveri in prossimità dei luoghi in cui le persone vivono. In questa seconda parte di attività, oltre al Convento di San Bartolomeo e a molti altri residenti, sono già stati connessi alla rete anche la Coop di Piancastagnaio e la Caserma dei Vigili del Fuoco.

Il progetto, voluto dall’Amministrazione Comunale di Piancastagnaio, è stato supportato da Enel Green Power che fornisce questa importante risorsa a monte della stazione termica primaria denominata PC 16, collocata in vicinanza delle centrali geotermiche PC 4 e PC5. Il teleriscaldamento permetterà alla cittadinanza, che ne usufruirà, di risparmiare fino al 50% per i costi del riscaldamento e dell’acqua calda, rispetto ai combustibili fossili. Notevoli sono anche i benefici in termini ambientali: il teleriscaldamento geotermico, infatti, permette di evitare l’immissione in atmosfera di CO2 altrimenti emessa con gli impianti di riscaldamento tradizionali. A questo proposito, si stima di evitare ogni anno 3.700 tonnellate di emissioni di CO2 e di risparmiare, sempre annualmente, importazioni per circa 1.200 tonnellate equivalenti di petrolio (TEP).

In Toscana sono già nove i Comuni teleriscaldati tra le province di Pisa, Siena e Grosseto (oltre a Piancastagnaio, vi sono Pomarance, Castelnuovo Val di Cecina, Monteverdi Marittimo, Monterotondo Marittimo, Montieri, Chiusdino, Radicondoli, Santa Fiora e altri impianti sono in fase di progettazione) per un totale di 13mila utenti residenziali e commerciali, 26 ettari di serre ed un importante comparto della filiera artigianale, agroalimentare e turistica. Altri progettualità sono in corso e in via di definizione.


Se vuoi leggere le notizie principali della Toscana iscriviti alla Newsletter QUInews - ToscanaMedia. Arriva gratis tutti i giorni alle 20:00 direttamente nella tua casella di posta.
Basta cliccare QUI

Tag
Iscriviti alla newsletter QUInews ToscanaMedia ed ogni sera riceverai gratis le notizie principali del giorno