QUI quotidiano online. Registrazione Tribunale di Firenze n. 5935 del 27.09.2013
ABBADIA SAN SALVATORE
Oggi 14°14° 
Domani 12°21° 
Un anno fa? Clicca qui
Qui News amiata, Cronaca, Sport, Notizie Locali amiata
domenica 20 ottobre 2019

Attualità giovedì 26 gennaio 2017 ore 16:38

Cinghiali, quest'anno si potrà sparare di più

La Coldiretti approva il piano di prelievo presentato nei giorni scorsi dalla Regione. “Stimati 230 mila cinghiali. Bene piano per il 2017”



MONTALCINO — La Giunta Toscana ha dato il via, nei giorni scorsi, alla delibera di approvazione, inerente al piano annuale 2017, di prelievo per il cinghiale nelle aree agricole. 

Si tratta della cosiddetta caccia di selezione, che si svolge sotto la supervisione degli ATC (Ambiti Territoriali di Caccia) nelle zone a vocazione agricola, dove solitamente i cinghiali arrecano maggiori danni. Il piano prevede, nel periodo da gennaio a dicembre 2017 (lo scorso anno il piano fu approvato a giugno), il prelievo di un numero complessivo di oltre 24 mila cinghiali nelle aree agricole della regione (aree non vocate al cinghiale), che coprono una superficie pari a poco più di 1milione di ettari. 

Quindi quest’anno - fa sapere la Coldiretti Toscana - da gennaio a dicembre, sarà possibile nelle aree a vocazione agricola, la caccia di selezione al cinghiale per un tempo più lungo. Gli ATC possono sospendere tale caccia quando nelle aree vocate, soprattutto boschi, vengono previsti interventi di caccia in braccata. In questi periodi in cui viene sospeso il prelievo selettivo, nelle aree non vocate è comunque possibile la caccia al cinghiale in forma singola o con la tecnica della girata.

“Apprezziamo il fatto che quest’anno la Legge Obiettivo da noi fortemente voluta – dice in un comunicato Tulio Marcelli, presidente di Coldiretti Toscana – vada a regime in modo tempestivo e con questa delibera di fatto non si interrompa il prelievo dei cinghiali nelle aree agricole, dove la loro presenza deve essere eradicata, per consentire alle imprese di esercitare il loro diritto a esistere. Lo scorso anno – evidenzia Marcelli - l’attività di caccia in selezione si è svolta solo in periodi molto limitati e in alcuni comprensori addirittura per poco più di due mesi”. 

Aggiunge Antonio De Concilio, direttore di Coldiretti Toscana: “La proliferazioni di cinghiali in Toscana ha ormai superato quota 230 mila capi, che alterano gli equilibri ambientali con danni enormi a colture di pregio, e vitali per l’economia del territorio, come viti e cereali. Con l’approvazione di questo atto – conclude De Concilio – possono essere preservate tutte le aree non vocate del territorio toscano. Il piano potrà essere successivamente aggiornato in base ai dati degli abbattimenti 2016 e a seguito della nuova delimitazione delle aree vocate e non vocate al cinghiale. Su questo argomento Coldiretti Toscana ha già formulato una ipotesi chiara, che fa coincidere le aree in cui non possono essere presenti i cinghiali, e non solo, con quelle destinate alle attività agricole e in riferimento alle quali vengono erogati gli interventi della Politica Agricola Comune (PAC)”.



Tag

Meloni a Roma: «Cinquestelle stretti in auto blu come sardine in salamoia»

Ultimi articoli Vedi tutti

Attualità

Lavoro

Attualità

Attualità