QUI quotidiano online. Registrazione Tribunale di Firenze n. 5935 del 27.09.2013
ABBADIA SAN SALVATORE
Oggi 15° 
Domani -2°13° 
Un anno fa? Clicca qui
Qui News amiata, Cronaca, Sport, Notizie Locali amiata
lunedì 18 febbraio 2019

Attualità lunedì 10 aprile 2017 ore 12:47

Pasqua in agriturismo

In Toscana si trovano 4.400 agriturismi. Leader dell’ospitalità regionale è Siena con 1150 aziende, seguita da Grosseto con 960



RADICOFANI — La Pasqua “alta” cade nella bella stagione e invita a una vacanza nella campagna toscana. 

Ad attendere la schiera dei vacanzieri rurali una accoglienza agrituristica di alto livello. In Italia - fa sapere Coldiretti - sono 22mila gli agriturismi presenti che offrono la possibilità di stare all'aria aperta lontano dalle preoccupazioni. Di questi ben 4.400 si trovano in Toscana

Leader dell’ospitalità agrituristica regionale è Siena con 1150 aziende, seguita da Grosseto con 960 e Firenze con 600. I posti letto dell’agriturismo toscano parlano di 31mila camere, in struttura o appartamento, e 700 piazzole per una ricettività di oltre 60mila persone. Crescono gli agriturismi che, oltre all’ospitalità, fanno attività di somministrazione pasti, con prodotti “made in Tuscany”, sono oltre 2000.

“Anche se in molti non rinunciano a recarsi all’estero le mete preferite, anche per il clima internazionale non troppo sereno – dice Tulio Marcelli, Presidente di Coldiretti Toscana - restano quelle lungo la Penisola che consentono di ottimizzare il tempo limitato a disposizione che per la maggioranza non supera i 3-5 giorni. Da questo punto di vista la nostra regione presenta le caratteristiche per essere méta di una vacanza pasquale e degli altri ponti con picnic e gite fuori porta in campagna, grazie alla bellezza dei paesaggi e alla qualità dell’offerta gastronomica”.

“La capacità di mantenere inalterate le tradizioni alimentari nel tempo con menu di Pasqua locali a base prodotti di stagione a chilometri zero e biologici è rigorosamente toscani - continua Marcelli – è la qualità più apprezzata dagli ospiti ma sta crescendo la domanda di servizi aggiuntivi. Nelle aziende agricole sono sempre più spesso offerti programmi ricreativi come l'equitazione, il tiro con l'arco, il trekking ma non mancano attività culturali come la visita di percorsi archeologici o naturalistici ma anche corsi di cucina o di orticoltura”.

“Stiamo riscontrando la tendenza verso la prenotazione fai da te e last minute, grazie anche ai moderni strumenti social, ma per scegliere l'agriturismo giusto il consiglio - sottolinea Antonio De Concilio, Direttore di Coldiretti Toscana – è quello di preferire aziende accreditate da associazioni e di rivolgersi su internet a siti come i nostri www.terranostra.it o www.campagnamica.it. Ed è anche arrivata l’unica App farmersforyou, in versione italiana e inglese, - continua De Concilio - che permette di scegliere i mercati, le fattorie, le botteghe e gli agriturismi di Campagna Amica, dove poter soggiornare nei più bei paesaggi della nostra campagna toscana, e dove poter comprare il vero “made in” agroalimentare, ma anche i ristoranti che offrono menù con prodotti acquistati direttamente dagli agricoltori”.



Tag

Ultimi articoli Vedi tutti

Attualità

Attualità

Attualità

Cronaca