Questo sito contribuisce alla audience di 
QUI quotidiano online.  
Percorso semplificato Aggiornato alle 20:30 METEO:ABBADIA SAN SALVATORE17°31°  QuiNews.net
Qui News amiata, Cronaca, Sport, Notizie Locali amiata
venerdì 30 luglio 2021
Tutti i titoli:
corriere tv
Scherma, Di Francisca: «Errigo emotiva». Velasco: «Dichiarazioni disgustose»

Cultura sabato 02 settembre 2017 ore 12:54

Appello al Papa per riavere le opere d'arte

Appello del comune di Santa Fiora a Papa Francesco, al ministro Franceschini, alla Regione e a "tutti i Borghi e Comuni d’Italia"



SANTA FIORA — Appello del comune di Santa Fiora a Papa Francesco, al ministro Franceschini, alla Regione e a "tutti i Borghi e Comuni d’Italia"

“La presenza di opere d’arte in un territorio – afferma il sindaco Federico Balocchi – è un produttore di benessere in tutti i sensi. La bellezza fa bene alle comunità, le rende migliori.

Le maioliche dei Della Robbia, ad esempio, presenti nella pieve dedicata alla Sante Flora e Lucilla, sono un patrimonio dell’umanità e, innanzitutto, della popolazione locale, un riferimento per il culto e uno stimolo a venire a Santa Fiora. La loro qualità artistica non è stata ancora sufficientemente valorizzata come non è stata “sfruttata” pienamente la potenzialità di incidere sullo sviluppo economico, ma il Comune di Santa Fiora riconosce la loro forza culturale e ritiene che costituisca uno dei motori per la nostra crescita. Il nostro paese sarebbe diverso e più “povero” se non ci fossero.

A fronte di ciò che è rimasto, Santa Fiora, in un recente passato, è stata spogliata di molte delle sue ricchezze artistiche che sono state ricollocate in musei lontani. Oggi vogliamo invertire questa tendenza, recuperare quanto asportato e lanciare un’iniziativa sulla ricollocazione dei pezzi d’arte nei loro luoghi d’origine specialmente nei piccoli centri come il nostro”.

Nel 1991 dalla Chiesa di Sant’Agostino a Santa Fiora furono trasferite al Museo Diocesano d’arte sacra di Pitigliano una statua lignea policromata, Madonna col Bambino, realizzata da Jacopo Della Quercia, insieme con altre tre statue del XV e XVI secolo, una raffigurante Sant’Antonio Abate, l’altra San Nicola da Tolentino, la terza un Santo agostiniano non bene identificato, Insieme alla statue è a Pitigliano una pregevole tempera su tavola su ante d’organo del XVI secolo, un Angelo dormiente e Vergine sempre in tempera del XVII secolo e un olio su tavola rappresentante Santa Monica di un allievo del Nasini.

La Pieve delle Sante Flora e Lucilla di S. Fiora è stata privata, inoltre, del Reliquiario delle Sante Flora e Lucilla, del sec. XV e anche la Chiesa della SS. Trinità alla Selva ha visto prelevare dalla sue mura l’Assunzione della Vergine coi Santi Girolamo, Tommaso e Francesco del pittore Girolamo di Benvenuto (1470-1524), sempre con destinazione il Museo Diocesano.

“Una parte del valore culturale di Santa Fiora – commenta Luciano Luciani consigliere con delega alla cultura del Comune – è emigrato in forma coatta ed è esposto tra le mura del Museo diocesano di Pitigliano. Le opere devono tornare nei luoghi per cui sono nate a disposizione di fedeli e cittadini. Quella che il ministro della cultura Franceschini ha definito ri-contestualizzazione, riportare le opere d’arte nei luoghi per cui furono prodotte o commissionate, è una scelta che condividiamo e facciamo nostra.

La Chiesa la pensa diversamente. Alla nostra richiesta il diniego è stato assoluto. Noi riteniamo che anche nelle opere d’arte risiedano le caratteristiche di un luogo e che riprendercele sia giusto e utile per la nostra comunità”.

Il Comune di Santa Fiora chiama la sua popolazione alla mobilitazione, promuove questa sua iniziativa a livello nazionale e insieme fa appello al Papa, alla Conferenza Episcopale, al Ministro della cultura, alla Regione Toscana e ai Borghi e Comuni d’Italia che vivono una sorte simile per costituire un grande fronte, un cartello della “bellezza e della cultura” che riconquisti alla piccole Chiese, alle Pievi, ai Palazzi e ai Castelli quanto nel tempo ingiustamente prelevato.

“La cultura è vita per borghi, villaggi, centri minori - conclude il sindaco Balocchi - un motivo di esistere e resistere al fenomeno dello spopolamento anche attraverso l’economia del turismo. Il nostro appello alla sensibilità Chiesa è, però, più complesso, riguarda anche il sentimento religioso di una popolazione a cui sono negati i propri simboli. Un principio che rende la ricollocazione delle opere un atto di giustizia e di umanità. Il Comune in passato aveva avviato e concordato un percorso con il vescovo precedente e la parrocchia, mediante un protocollo d'intesa che prevedeva il restauro e la musealizzazione della chiesa di Sant’Agostino; purtroppo oggi questo dialogo è stato interrotto”.

L’Italia ha la sua forza proprio nell’arte nata in forma diffusa, nelle città, ma anche nei piccoli centri, nelle pievi di campagna. È strategico per i Comuni fermare la tendenza a concentrare nei grandi Musei per riconquistare un rapporto con tutto questo patrimonio togliendolo dalle stanze chiuse, e riconsegnandolo alla quotidianità di donne e uomini.

In allegato tre immagini delle opere d'arte rivendicate da Santa Fiora e oggi nel museo diocesano dI Pitigliano

Tag
Iscriviti alla newsletter QUInews ToscanaMedia ed ogni sera riceverai gratis le notizie principali del giorno
L'articolo di ieri più letto
In tutta l'Area Vasta sono ben 121 i contagiati dalle mutazioni del virus negli ultimi 3 giorni
Offerte lavoro Toscana Programmazione Cinema Farmacie di turno

Qui Blog di Federica Giusti

QUI Condoglianze



Qui Ambiente

Ultimi articoli Vedi tutti

Attualità

Spettacoli

Attualità

Attualità