QUI quotidiano online. Registrazione Tribunale di Firenze n. 5935 del 27.09.2013
ABBADIA SAN SALVATORE
Oggi 11° 
Domani 13° 
Un anno fa? Clicca qui
Qui News amiata, Cronaca, Sport, Notizie Locali amiata
sabato 14 dicembre 2019

Attualità venerdì 18 dicembre 2015 ore 18:37

Armi da fuoco per gli agenti

Armi da fuoco e altre telecamere per il controllo del territorio sono stati attivati a Luglio con un investimento di 30mila euro fatto dal Comune



SANTA FIORA — “La sicurezza dei cittadini è ormai da mesi al centro della nostra agenda di Governo – afferma Federico Balocchi, sindaco di Santa Fiora – tanto che ci siamo fatti promotori di una delibera sulla sicurezza che è stata approvata dall’Unione dei Comuni Amiata Grossetana il 10 novembre scorso, per l’armamento della struttura unica di Polizia municipale associata. Il Comune di Santa Fiora si è messo subito al lavoro per trasformare in realtà quanto previsto da questo importantissimo atto dell’Unione. Fatta eccezione per Casteldelpiano, infatti, tutti gli agenti di polizia municipale dei Comuni dell’Unione sono disarmati. E Santa Fiora provvederà per primo all’acquisto di armi con un investimento di 8mila euro. Gli uffici hanno già espletato le gare e attendiamo i tempi tecnici del nulla osta della Questura per consegnare le armi da fuoco ai nostri agenti. Questo sarà un passaggio fondamentale per intensificare le capacità di intervento della Polizia municipale.”

Il sistema di videosorveglianza si è rivelato molto utile, per questo verrà potenziato in modo modulare: a Gennaio parte il secondo step con l’installazione di altre 5 telecamere tra le frazioni e Santa Fiora, di cui due particolarmente potenti in notturna, per un investimento di ulteriori 30mila euro. E nel corso dell’anno il sistema di videosorveglianza sarà implementato ulteriormente con l’acquisto di altre telecamere.

“Queste azioni ci aiuteranno a contrastare gli atti vandalici e la microcriminalità – conclude il sindaco di Santa Fiora – e mi auguro che contribuiscano a far tornare la tranquillità nei nostri cittadini. Ovviamente da sole non bastano a risolvere completamente il problema: è fondamentale l’attenzione dei cittadini con l’installazione di antifurto e inferiate nelle case isolate. E soprattutto con il loro contributo in termini di conoscenza e sorveglianza del territorio attuando il controllo di vicinato. Una raccomandazione: se si vedono movimenti sospetti, contattate il 112. Mi incontrerò presto con il comitato di frazione di Bagnore che mi ha richiesto un colloquio e poi con il resto della cittadinanza per cercare di fare quadrato, tutti insieme, contro i malavitosi.”



Tag

Piazza Fontana, il giornalista del Corriere che era nella banca: «Mi salvò un caffè»

Ultimi articoli Vedi tutti

Attualità

Lavoro

Lavoro

Attualità