comscore
QUI quotidiano online. Registrazione Tribunale di Firenze n. 5935 del 27.09.2013
ABBADIA SAN SALVATORE
Oggi 18°32° 
Domani 18°31° 
Un anno fa? Clicca qui
Qui News amiata, Cronaca, Sport, Notizie Locali amiata
giovedì 09 luglio 2020
corriere tv
Incontro con il centrodestra, Conte cita Moretti: «Ricorda un po' ‘Ecce Bombo'...mi si nota di più a Chigi o a Villa Pamphilj?»

Politica martedì 28 febbraio 2017 ore 14:23

La Lega interviene su Mps e caso David Rossi

​Claudio Borghi Aquilini (Lega Nord) interviene su Monte dei Paschi e David Rossi: “Non si sa se siano peggio certi giudici o l’Europa”



ABBADIA SAN SALVATORE — La Lega Nord, attraverso il Responsabile economico e Portavoce Opposizione in Consiglio regionale della Toscana, Claudio Borghi Aquilini, interviene sulle ultime notizie riguardanti il Monte dei Paschi, per cui l’Antitrust dell’UE ha chiesto il dimezzamento dei dipendenti, e sulle indagini per la morte di David Rossi. 

“Un Europa che vuole sempre più sangue dalla nostra gente - spiega Borghi Aquilini in una nota - fa da contraltare a certa magistratura che dimostra di aver sbagliato mestiere, dal momento che in presenza di dettagli determinanti a favore della tesi secondo cui David Rossi potrebbe essere stato vittima di omicidio, si volta dall’altra parte chiedendo una paradossale archiviazione. 

Giudici ed Europa - insiste il Responsabile del Carroccio - semplicemente vergognosi, che proprio sul disastro Monte dei Paschi hanno dimostrato di non saper esercitare il minimo e dovuto controllo. E non contenta, ora l’UE pretende di imporsi su Siena in modo salomonico indicando le migliaia di persone che possono restare al lavoro e le altre migliaia che invece devono finire per la strada? Ogni tanto il silenzio converrebbe anche agli inquilini indesiderati e mai democraticamente legittimati di Bruxelles”.

Alle dichiarazioni di Claudio Borghi fa seguito il commento del commissario della Lega Nord di Siena, Marco Figura. 

“Da quando in qua - spiega - si chiede l’archiviazione di un’inchiesta, certificando l’ipotesi del suicidio come unica ragionevole, ammettendo al tempo stesso la presenza di un’infinità di dettagli che portano a ritenere che quello di Rossi sia invece omicidio? Questo è ciò che sta accadendo a Siena, e i dubbi anziché dipanarsi s’infittiscono: quali interessi stanno prevalendo? Perché non si può parlare di omicidio se elementi quali le ferite (da colluttazione), l’orologio arrivato dalla finestra dopo (suicidatosi anche lui?) e le persone (la cui posizione è stata stralciata dalle indagini, come si trattasse di un dettaglio avulso da quanto era poco prima accaduto) che vanno a verificare lo stato del corpo, ormai a terra senza curarsi minimamente di soccorrerlo, dicono esattamente il contrario di ciò di cui la Procura vuole convincerci? A tutte le prese in giro c’è un limite, e su questa storia la Lega andrà fino in fondo con qualsiasi mezzo lecito”.



Tag

Ultimi articoli Vedi tutti

Attualità

Attualità

Attualità

Attualità