comscore
QUI quotidiano online. Registrazione Tribunale di Firenze n. 5935 del 27.09.2013
ABBADIA SAN SALVATORE
Oggi 17°31° 
Domani 17°32° 
Un anno fa? Clicca qui
Qui News amiata, Cronaca, Sport, Notizie Locali amiata
mercoledì 12 agosto 2020
corriere tv
Dj morta, l'entomologo: «Gli insetti ci possono dare un tempo vicino a quello della morte»

Attualità domenica 06 agosto 2017 ore 12:05

Una lapide per il Beato Colombini

Il vescovo Manetti mentre benedice la lapide del Beato

Beato Giovanni Colombini, fondatore dei Gesuati. Ad Abbadia San Salvatore una lapide per celebrare l’anniversario della sua morte



ABBADIA SAN SALVATORE — Il 30 luglio ad Abbadia San Salvatore si sono svolte le celebrazioni per il seicentocinquantesimo anniversario della morte del beato Giovanni Colombini e della costituzione dell'ordine dei Gesuati.

L’evento ha avuto inizio con il saluto del sindaco Fabrizio Tondi e del presidente del Rotary Club di Chianciano Terme, Chiusi e Montepulciano, Paolo Coppi e con la Santa Messa celebrata da monsignore Stefano Manetti, vescovo di Montepulciano, Chiusi, Pienza. 

Al termine della cerimonia religiosa lo stesso vescovo ha benedetto e svelato la lapide dedicata al Beato Colombini (donata da Agape). Nel pomeriggio, presso il teatro Servadio si sono svolte le conferenze a cura di don Carlo Prezzolini (I luoghi - chiesa e abitazioni - al tempo del beato Colombini), Isabella Gagliardi (L’eredità culturale e spirituale del beato Giovanni Colombini e dei Gesuati), letta da Francesco Salvestrini, Francesco Rossi (Il Corpus Jesuatorum, il portale www.gesuati.org) e Mattia Zangari (La Teologia Mystica e la devotio nova). 

La chiusura è stata curata dall’assessore alla cultura del Comune di Abbadia, Luca Ventresca, che ha ricordato gli appuntamenti che seguiranno a Città di Castello, Siena e Venezia.

L’amministrazione ha espresso, tramite un comunicato, i propri ringraziamenti sia al Rotary Club che all’Istituto per la Valorizzazione delle Abbazie Storiche della Toscana per aver portato ad Abbadia un evento così importante e per aver ricordato un momento importante della storia della comunità. 

Un ringraziamento particolarmente sentito va poi ad Agape per aver fatto dono della lapide che ricorderà il beato Giovanni Colombini negli anni a venire. 



Tag

Ultimi articoli Vedi tutti

Attualità

Attualità

Attualità

Attualità