QUI quotidiano online. Registrazione Tribunale di Firenze n. 5935 del 27.09.2013
ABBADIA SAN SALVATORE
Oggi 16°18° 
Domani 17°29° 
Un anno fa? Clicca qui
Qui News amiata, Cronaca, Sport, Notizie Locali amiata
domenica 15 settembre 2019

Cultura martedì 14 febbraio 2017 ore 14:46

In mostra a Roma i cimeli di Lazzaretti

Nella capitale, dal 16 febbraio fino al 21 maggio, una mostra sui cimeli di David Lazzaretti; poi si sposterà ad Arcidosso



ARCIDOSSO — Dopo più di un secolo, gli oggetti appartenuti a David Lazzaretti, vengono esposti per il pubblico al Museo Nazionale delle Arti e Tradizioni Popolari di Roma. 

La mostra, dal titolo “David Lazzaretti, il Messia dell’Amiata. Cimeli lazzarettisti”, s’inaugura il 16 febbraio, alle ore 16,30, in sala Dossier; è curata da Leandro Ventura, direttore del Museo, e dall’antropologa Marisa Iori, con la collaborazione scientifica del professore Francesco Pitocco (Università di Roma), ed è organizzata in collaborazione con Mibact e il Comune di Arcidosso (Grosseto). 

È giusto sottolineare - è scritto in un comunicato del Comune di Arcidosso - che la mostra è nata dall’iniziativa vulcanica di Simone Cristicchi, il cantautore e attore che, recatosi in visita al museo romano qualche tempo fa, chiese di vedere gli oggetti del Lazzaretti e, con grande stupore ed emozione, li trovò conservati perfettamente nel magazzino, all’interno di una grande cassa con sopra la scritta “Toscana, monte Amiata, cimeli lazzarettisti”. 

Così, grazie alla sinergia tra il museo, l’artista e il comune di Arcidosso si è arrivati a questo importante risultato. All’inaugurazione del 16 febbraio parteciperà anche il sindaco Jacopo Marini, insieme a una delegazione del Comune. 

Questo è un evento significativo per Arcidosso e l’Amiata - afferma il sindaco di Arcidosso - perché i cimeli lazzarettisti non erano stati più esposti dal lontano 1911 al Museo etnografico italiano. Adesso, dopo più di un secolo, in seguito all’esposizione romana, il nostro comune sarà ben felice di ospitare questa mostra nel nostro Castello Aldobrandesco all’interno del Museo dedicato a David Lazzaretti. Questa è un’operazione culturale che farà conoscere ancora di più la figura del predicatore e la sua esperienza mistica, religiosa e sociale. Ringrazio i funzionari del Museo e l’artista e amico Cristicchi a nome di tutta la comunità arcidossina”.

La mostra, dunque, espone tutto quello che Lazzaretti indossava in quel 18 agosto 1878, quando fu colpito a morte da una pallottola, mentre conduceva la processione pacifica dei suoi seguaci da Monte Labro verso Arcidosso

Ci saranno i suoi paramenti, il suo mantello azzurro foderato di rosso e perfino il cappello con le tre piume di struzzo sul quale ancora si può vedere il foro della pallottola sparata dal carabiniere; e poi gli stendardi, abiti e oggetti dei seguaci in processione. 

A questi, si aggiungono numerosi oggetti, ben cinquanta reperti, forniti dal Centro studi David Lazzaretti di Arcidosso che partecipa attivamente a questa iniziativa. Ad arricchire l’esposizione, su un’intera parete sarà proiettato un filmato inedito di Andrea Cocchi che con un drone ha ripreso i luoghi di Monte Labro e Arcidosso per contestualizzare gli oggetti in esposizione.

L’apertura della mostra coincide con la prima data romana dello spettacolo teatrale di Cristicchi su David Lazzaretti che andrà in scena la sera del 16 febbraio sul palco del Teatro Vittoria; e si chiude il 21 maggio sempre con questo spettacolo che, per l’occasione, si terrà proprio nella sala d’onore del Museo Nazionale delle Arti e Tradizioni Popolari. 



Tag

Catania, Salvini contestato

Ultimi articoli Vedi tutti

Attualità

Attualità

Cronaca

Cronaca