comscore
QUI quotidiano online. Registrazione Tribunale di Firenze n. 5935 del 27.09.2013
ABBADIA SAN SALVATORE
Oggi 19°27° 
Domani 20°32° 
Un anno fa? Clicca qui
Qui News amiata, Cronaca, Sport, Notizie Locali amiata
mercoledì 05 agosto 2020
corriere tv
Passo dello Stelvio: 30 centimetri di neve a inizio agosto

Attualità giovedì 16 marzo 2017 ore 09:56

Un Vulcano di birra

Dal 21 al 23 luglio ad Arcidosso, sull'Amiata, arriva un festival completamente dedicato al mondo della birra artigianale



ARCIDOSSO — Un vulcano spento, l'alta torre del Castello Aldobrandesco che domina il paese, la graziosa cornice di un centro storico intatto e una fusione di gusti al sapore di luppoli, tra loro diversi e al tempo stesso da scoprire. 

E' questo mix - dicono gli organizzatori - tra architettura medievale e gusti moderni che renderà unico “Vulcano di Birra – Craft beer festival” ospitato, nel quarto weekend di luglio (21, 22 e 23) ad Arcidosso, paese tipicamente di montagna, situato ai piedi del Monte Amiata, un antico vulcano, appunto. 

Partito da un'idea di un gruppo di ragazzi, accomunati dalla passione per la birra artigianale, e organizzato in collaborazione con Birra Amiata (famosa azienda di birra artigianale con sede ad Arcidosso) e pro-loco.

Tre giorni immersi nel verde, il festival, unico nel suo genere sul Monte Amiata, si svolgerà presso il “Parco del Tennis”, una location “en-plein-air” dove sarà possibile immergersi nelle attività produttive degli operatori artigianali, i quali riporteranno stili e tendenze birraie del momento. 

In scena 5 birrifici d'eccellenza del panorama italiano, oltre 30 birre, tutte diverse tra loro e laboratori didattici eseguiti da mastri birrai che con passione seguono ogni passo della produzione per creare delle birre artigianali veramente uniche.

“Portare nel mio paese natale una nuova filosofia di festival dedicato al mondo delle Craft Beer – spiega Alessio Bargagli, uno dei ragazzi organizzatori del festival – e provare a trasmettere alle persone l'emozione che sento ogni volta che assaggio una buona birra, è come un sogno tenuto per molto tempo nel cassetto e che oggi si avvera. In questi ultimi due anni ho viaggiato molto grazie al mio lavoro e ciò mi ha permesso di affacciarmi a una nuova visione della vita aprendomi tante prospettive. La birra è cultura – continua – e dentro un bicchiere possiamo trovare una storia da raccontare, una passione indelebile da gustare e un'emozione da condividere”.

Ogni partecipante avrà diritto al proprio bicchiere e alla “guida” del festival. Musica live di alto livello e Street Food faranno da scenario alla manifestazione e saranno inoltre presenti “Food Truck” con operatori specializzati, dove sarà possibile degustare le eccellenze gastronomiche della cucina Toscana. Birre da gustare ma anche da acquistare, all'interno “dell'area festival” sarà allestito un fornito “Beer Shop” con tutte le birre presenti in degustazione.

Che la birra artigianale viva in realtà un momento di forte ascesa e che riesca ad farsi apprezzare da palati diversi, lo dicono anche i numeri: “Un recente studio della Coldiretti – continua Bargagli – ha dimostrato come siamo passati, in dieci anni, da 30 microbirrifici nazionali addirittura a più di 1000. Un aumento sostanzioso che ha segnato un +13 per cento delle vendite all'estero. Bere birra di qualità – conclude - non è dunque una semplice moda, bensì il mutamento di abitudini e stereotipi consolidatisi nei decenni passati e che oggi sentiamo il piacere di modificarli, senza ovviamente perdere le nostre origini”. 



Tag

Ultimi articoli Vedi tutti

Attualità

Attualità

Attualità

Attualità