QUI quotidiano online. Registrazione Tribunale di Firenze n. 5935 del 27.09.2013
ABBADIA SAN SALVATORE
Oggi 8° 
Domani 11° 
Un anno fa? Clicca qui
Qui News amiata, Cronaca, Sport, Notizie Locali amiata
domenica 18 novembre 2018

LEGAMI D'AMORE — il Blog di Malena ...

Malena ...

Sono nata in un paese straniero e provengo da una famiglia italiana. Fin da giovane le persone si sono sempre confidate con me: donne, giovani, figlie, nipoti, sorelle, comari, amici. Restavano ore a raccontarmi le loro storie e i sentimenti provati durante i loro vissuti. L'argomento più chiacchierato è l'amore in tutte le sue sfaccettature e ho deciso pertanto di parlarne affinché si possa trarre spunto per riflettere sulla differenza di genere.

Barbablù

di Malena ... - mercoledì 05 settembre 2018 ore 07:25

Foto di: http://www.paroledautore.net/

Barbablù è un bell’uomo, ben fatto con i connotati del grande divo del cinema e caratterizzato dal portare una lunga barba. Ha 52 anni ed è ancora piacente, forse di più rispetto a quando aveva vent’anni. Come potete immaginare ha avuto un sacco di donne durante la sua carriera di latin lover e ne ha tutt’ora ovviamente. Tutte le donne avute nel passato sono rimaste sue amiche e lui di tanto in tanto va a dare una “ripassatina” giusto per tenere vivo il suo ego. Tutti sanno della sua fama e nessuna donna lo considererebbe un uomo serio. Tutte le donne sono in pratica passate da casa sua dove in una stanza chiusa a chiave teneva un notevole armamentario per soddisfare le sue perversioni e dove passava con loro lunghe notti di passione miste a un pizzico di sadismo radicato nell’indole di quest’uomo. Nonostante tutto riesce a trovare una giovane ragazza, peraltro figlia di una delle sue precedenti amanti e nonostante fuochi e fiamme da parte di quest’ultima che non può ovviamente fare outing poiché per l’appunto è sposata con il padre di sua figlia, i due convolano a nozze. 

Barbablù è un imprenditore, spesso fuori per lavoro e ben presto, lascia la giovane moglie sempre più sola a far da guardiana alla immensa villa nella quale vive. La nostra Eva è ora padrona assoluta ed è libera di usare tutto, di aprire tutto, di andare dappertutto, tranne che oltre la porta della camera segreta, di cui il marito le ha promesso di portarla non appena torna da questo viaggio non programmato, aperta da una particolare chiave che Barbablù le mostra prima di partire. Ma come si fa a lasciare una chiave in mano a una donna chiedendole di non aprire? Eva, difatti, fa per prima cosa quella di andare a dare una sbirciatina nella stanza. Il nostro Barbablù aveva anche la passione di fotografare nude tutte le donne con cui era stato a letto e indovinate un po’? A parte l’emozione provata da Eva nel vedere tutta quella ferraglia pensate al colpo al cuore avuto scorrendo le immagini ritratte dalle foto e quella dell’individuarne una in particolare cioè quella della madre?. 

Le donne che non sanno tenere in bocca nemmeno una caramella e che le mosche che svolazzano entrano in cavità orale immediatamente alla velocità della luce, appena il marito fa ritorno, chiede spiegazioni laddove non erano affatto necessarie. L’uomo inventa delle balle grandi quanto una grattacielo senza ottenere il risultato sperato. I due ovviamente si lasciano e in un sol colpo Eva perde, marito e madre, poiché anche per quest’ultima ha oramai una scarsa considerazione. 

Morale della favola: prima di impelagarsi con nuovi uomini cerchiamo di conoscerli meglio o quanto meno di capire con chi abbiamo a che fare. Per quanto concerne la madre non andrebbe giudicata ma la figlia che ovviamente non vede la donna ma la mamma che la allatta ancora al seno e non può fare a meno di condannarla. Altrimenti altra strada percorribile è quella di chiudere occhi, orecchie e naso specie quando stiamo accanto a qualcuno che possa corrispondere a questo modello di uomo. Tante donne già lo fanno, pur di avere un compagno-marito-protettore ma ahimè, sono donne da mandare dallo psicologo il prima possibile, poiché dipendenti affettivamente. Ma esiste un modo per scoprire se abbiamo di fronte o no un bugiardo?. Proviamoci:

  1. Ci sono dei gesti e dei movimenti rapidi che ognuno di noi fa quando facciamo una domanda. Perciò dal momento che mente tali gesti saranno diversi.
  2. La mimica facciale, essendo il volto lo specchio dell’anima, è sicuramente incoerente con la fandonia che sta raccontando e se anche sorride lo farà solo con la parte inferiore della bocca e non con gli occhi. Può inoltre variare il tono della voce.
  3. Le mani si agitano di più o stringono con forza qualche oggetto anche se l’usuale gesticolare potrebbe invece essere più controllato (ci sono culture in cui si gesticola di più)
  4. Gli occhi se spostati in alto e a sinistra sta sicuramente cercando di inventare poiché l’emisfero destro è quello deputato alla nostra immaginazione e al sogno.

Sicuramente queste piccole “dritte” non sono scientifiche ma potrebbero in qualche modo aiutare le donne a smascherare qualche bugiardo, senza la pretesa di avere valore legale da portare in tribunale in caso di separazione-divorzio, ovviamente.

Vorrei però mettere l’accento soprattutto sul fatto che a parte l’uomo sbagliato le donne sono complementari e se pur senza alcun valore diagnostico possiamo rispondere a qualche domanda qui di seguito per capire se facciamo parte o meno della categoria dei dipendenti. Le domande sono tratte dal libro “La Dipendenza Affettiva: come uscire dalla maledizione di una relazione distruttiva.. o almeno migliorarla”, Franco Nanetti – Ed. Pendragon. Maggiore sarà il numero delle risposte affermative maggiore sarà la vostra dipendenza affettiva. Buon divertimento!

1. Vi capita di sentirvi attratti in modo quasi magnetico dal partner, provando per lui/lei un’attrazione sessuale molto intensa? Oppure vi sentite distanti e poco coinvolti?

2. Durante la relazione siete spesso depressi e stanchi?

3. Non riuscite a mantenere i vostri spazi di autonomia?

4. Non uscite più abitualmente con amici e non date più sazio alle vostre abituali attività?

5. Siete rimasti spesso coinvolti in una relazione con una persona non disponibile, in quanto sposata, innamorata di un’altra persona o emotivamente lontana da voi?

6. Cercate spesso di cambiare il vostro partner affinché sia diverso da quello che è?

7. Cercate di fare di tutto per compiacere il vostro partner anche quando siete in disaccordo con le sue scelte?

8. Vi resta difficile dire di “NO” al vostro partner quando vi fa richieste di tempo, soldi, sesso, o altro?

9. Durante i rapporti sessuali vi preoccupate di più di compiacere il vostro partner piuttosto che provare piacere in prima persona?

10. Aspettate ansiosamente le telefonate del partner riducendo sempre di più i vostri incontri co amici e amiche?

11. Non riuscite a smettere di vedere il vostro partner o restate ossessionati dal suo ricordo nonostante la relazione sia distruttiva o conclusa da molto tempo?

12. Anche quando la relazione è carica di tensioni, di distruttività e di negatività, trovate difficile interromperla?

13. Nella convinzione di interrompere la relazione vi preoccupate insistentemente di che cosa succederà al vostro partner o della para di rimanere da soli o di non trovare mai più una persona “straordinaria” come quella con cui state?

14. Avete frequentemente la sensazione di essere giudicato dall’altro?

15. Mettete frequentemente in dubbio il vostro valore, pur di non contrastarlo?

16. Avete la sensazione di non fare mai abbastanza e di dovervi costantemente difendere?

17. Siete spesso in confusione, in quanto non riuscite a capire se l’altro vi apprezza o no, vi tratta male oppure mantiene una buona considerazione di voi?

18. Quando interrompete una relazione, ne cercate immediatamente un’altra?

Malena ...

Articoli dal Blog “Legami d'amore” di Malena ...

Ultimi articoli Vedi tutti

Attualità

Attualità

Attualità

Attualità