comscore
QUI quotidiano online. Registrazione Tribunale di Firenze n. 5935 del 27.09.2013
ABBADIA SAN SALVATORE
Oggi 15°25° 
Domani 12°25° 
Un anno fa? Clicca qui
Qui News amiata, Cronaca, Sport, Notizie Locali amiata
lunedì 13 luglio 2020
corriere tv
Coronavirus, in arrivo nuove disposizioni in vigore dal 14 luglio

Attualità martedì 16 maggio 2017 ore 12:25

27 milioni per la viticoltura

Rinnovo dei vigneti: in arrivo 27 milioni di euro per la viticoltura toscana. Le regole definite da una recente delibera



MONTALCINO — La Regione Toscana con una recente delibera ha definito le regole per gli interventi finanziati con i fondi comunitari destinati al settore vitivinicolo. 

Con una dote complessiva di 27milioni di euro saranno attivate le misure per la ristrutturazione e riconversione dei vigneti (19milioni di euro) e per la promozione del vino sui mercati internazionali (8milioni di euro).

“Abbiamo apprezzato come la Regione Toscana, ascoltando il nostro suggerimento – dice Tulio Marcelli, Presidente di Coldiretti Toscana – quest’anno ha incrementato i fondi per il rinnovo dei vigneti, portandoli da 17milioni a 19milioni di euro, stante il forte interesse dei viticoltori per questa misura. Secondo le nostre stime – conclude Marcelli – dovrebbero essere circa 1300 gli ettari di vigneto toscano che i viticoltori toscani potranno rinnovare grazie al sostegno comunitario”.

“Considerando che le domande devono essere presentate entro il 30 giugno prossimo – dice Antonio De Concilio, direttore di Coldiretti Toscana – invitiamo le aziende agricole interessate a rivolgersi al più presto presso i nostri uffici presenti su tutto il territorio regionale per la predisposizione delle istanze da presentare ad Artea”.

L'area dell'intervento - si apprende da un comunicato di Coldiretti - è l'intero territorio della Regione Toscana; i beneficiari sono le persone fisiche o giuridiche che conducono vigneti o sono titolari di autorizzazioni al reimpianto; l'intervento riguarda tutte le varietà idonee alla coltivazione sul territorio della Regione Toscana, non vi sono limitazioni per quanto riguarda le forme di allevamento; i vigneti oggetto del sostegno devono avere un minimo di 3.300 ceppi per ettaro; la superficie minima oggetto dell'intervento è pari a 0,5 ettari, ridotti a 0,3 ettari per le unità tecnico economiche con superficie vitata pari o inferiore ad un ettaro e a 0,25 ettari per gli interventi realizzati nelle zone di produzione dei seguenti vini a denominazione di origine protetta: Candia dei Colli Apuani, Colli di Luni, Ansonica Costa dell’Argentario, limitatamente al comune di Monte Argentario, Elba, nonché nel territorio delle isole toscane. 

Le azioni ammissibili a finanziamento sono tutte quelle previste dalla normativa comunitaria: il reimpianto finalizzato alla riconversione varietale e alla ristrutturazione, il sovrinnesto finalizzato alla riconversione varietale e il miglioramento delle tecniche di gestione del vigneto. i

Il periodo entro il quale le azioni di ristrutturazione e riconversione dei vigneti devono essere realizzate è pari a tre anni; la concessione del contributo avviene attraverso il pagamento anticipato dell’80 per cento del sostegno, mentre il restante 20 per cento viene liquidato dopo il collaudo dei lavori; il limite massimo di contributo pagato, che non può superare il 50 per cento dei costi, è pari a 16 mila euro a ettaro, ridotto a 14 mila euro a ettaro nel caso in cui le domande di aiuto presentate superino del 50 per cento le risorse destinate alla misura.



Tag

Ultimi articoli Vedi tutti

Attualità

Attualità

Attualità

Attualità