QUI quotidiano online. Registrazione Tribunale di Firenze n. 5935 del 27.09.2013
ABBADIA SAN SALVATORE
Oggi 18°31° 
Domani 16°29° 
Un anno fa? Clicca qui
Qui News amiata, Cronaca, Sport, Notizie Locali amiata
domenica 15 settembre 2019

Attualità giovedì 09 febbraio 2017 ore 18:13

BuyWine, il vino toscano si presenta al mondo

Alla Fortezza da Basso prende il via Buy Wine, la più grande iniziativa commerciale sul vino toscano. Attesi 210 imprese e 191 buyer



MONTALCINO — Venerdì, alla Fortezza da Basso di Firenze, prende il via la più grande iniziativa commerciale sul vino toscano. 210 imprese vitivinicole e 191 buyer provenienti da 35 paesi, si incontrano a Buy Wine 2017, il workshop organizzato da Regione Toscana giunto quest'anno alla settima edizione.

"Desidero sottolineare che l'export dei vini toscani non accenna ad arrestarsi – ha commentato in un comunicato Marco Remaschi, assessore all'Agricoltura della Regione Toscana - a conferma che all'estero apprezzano sempre più la qualità dei nostri vini. 

Questo importante risultato è stato possibile anche grazie a manifestazioni come Buy Wine, che negli anni si è imposta, nei fatti, quale miglior vetrina per le nostre eccellenze enologiche. La Toscana festeggia i 300 anni dalla creazione delle denominazioni di origine dei propri vini: si tratta di un compleanno particolarmente significativo – ha concluso l'assessore Remaschi - poiché l'Italia è l'unico Paese al mondo a poter vantare un pedigree enologico così antico e prestigioso". 

L'incontro fra un'eccellenza della tradizione, come il vino toscano, e le più moderne tecniche di relazione con il mercato internazionale ha già prodotti i primi risultati: più del 45 per cento dei buyers è alla prima partecipazione, e per la prima volta arrivano da otto nuovi Paesi, fra i quali Israele, Marocco, Porto Rico e Arabia Saudita.

I Paesi più interessati  ai vini toscani - si apprende da un comunicato -sono gli Stati Uniti, presenti con 29 buyer, il Canada con 28 e la Cina con 22. Grande attrattiva è stata dimostrata anche da Corea del Sud, Germania e Brasile, presenti ognuno con otto compratori. Da segnalare il ritorno, dopo alcuni anni di assenza, anche degli operatori di Russia (con otto buyer), Kazakistan, Taiwan e Lituania. 

"BuyWine - ha dichiarato il presidente di PromoFirenze Claudio Bianchi - è il primo degli eventi inseriti nel piano promozionale 2017 della Regione Toscana che viene organizzato con la nostra collaborazione organica, nell'ambito di una cooperazione più ampia con il sistema camerale. E' il segno tangibile di quanto sia matura, nelle istituzioni e negli operatori, l'idea che stare uniti ci rende più forti sul mercato globale. Ed è solo l'inizio: i prossimi eventi, sempre nell'ambito del vino, saranno il Prowein a Düsseldorf dal 19 al 21 marzo e Vinexpo a Bordeaux dall'8 al 21 giugno 2017", 

Nei due giorni di Buy Wine sono già stati messi in agenda più di 5mila incontri fra aziende e acquirenti, grazie anche a un'innovativa app, sviluppata dalla società toscana Uplink, attraverso la quale nelle settimane scorse i partecipanti hanno potuto scegliere i profili maggiormente corrispondenti alle proprie attività. 

 Fra le aziende toscane (il 94 per cento dei presenti è già sui mercati interazionali), il maggior numero arriva da Firenze (68) e da Siena (66), ma tutti i territori della regione sono rappresentati e 63 aziende vitivinicole hanno dichiarato la certificazione biologica o biodinamica: una tipologia di prodotto che piace sempre di più.

Buy Wine, per la prima volta, è collegato all'iniziativa Anteprime di Toscana: sabato 11 febbraio sempre alla Fortezza da Basso (Padiglione Cavaniglia) si svolgerà la presentazione congiunta ai media internazionali di tutte le anteprime di 16 consorzi toscani di tutela del vino, seguita da una degustazione dove verrà stappata una selezione delle prime bottiglie di annata.

Inizieranno così - conclude la nota della Regione - otto giorni di eventi direttamente sui territori di produzione, riservati a operatori e giornalisti provenienti da tutto il mondo. I consorzi che hanno aderito ad Anteprime di Toscana sono Bianco di Pitigliano e Sovana, Brunello di Montalcino, Carmignano, Chianti, Chianti Classico, Colline Lucchesi, Cortona, Elba, Maremma, Montecucco, Morellino di Scansano, Nobile di Montepulciano, Orcia, Val d'Arno di Sopra, Val di Cornia, Vernaccia di San Gimignano.



Tag

'Chi non salta comunista è', i cori dei giovani della Lega a Pontida mentre parla Salvini

Ultimi articoli Vedi tutti

Attualità

Attualità

Cronaca

Cronaca