QUI quotidiano online. Registrazione Tribunale di Firenze n. 5935 del 27.09.2013
ABBADIA SAN SALVATORE
Oggi 17°18° 
Domani 12°20° 
Un anno fa? Clicca qui
Qui News amiata, Cronaca, Sport, Notizie Locali amiata
lunedì 23 settembre 2019

Attualità mercoledì 19 aprile 2017 ore 17:13

Più certezze per il Pecorino senese

​Cia interviene sul Decreto che rende obbligatoria la provenienza della materia prima: "Più certezze per aziende e consumatori"



PIENZA — Sarà importante - fa sapere tramite un comunicato Cia Siena - arrivare quanto prima alla definizione di una regolamentazione comunitario sulla commercializzazione del prodotto e dei suoi derivati.

Origine certa e obbligatoria per i formaggi senesi e il latte. E con essa saranno tutelati anche consumatori e aziende agricole. E’ scattata oggi, 19 aprile – prosegui Cia Siena -, l’obbligatoria in etichetta dell’indicazione dell’origine della materia prima dei prodotti lattiero caseari in Italia. Come ad esempio il latte UHT, il burro, lo yogurt, la mozzarella, i formaggi e i latticini. 

L’obbligo si applica al latte vaccino, ovicaprino, bufalino e di altra origine animale. Una tutela in più, insomma, per i pecorini senesi di grande qualità e molto apprezzati dai consumatori, dal momento che dovrà essere dichiarata in modo obbligatorio la provenienza del latte utilizzato per la produzione.

La Cia Siena sottolinea come positiva l'entrata in vigore della norma nazionale ma invita ad arrivare quanto prima alla definizione di una regolamentazione comunitaria sulla commercializzazione del prodotto e dei suoi derivati.

"Sicuramente si tratta di un primo passo importante sulla strada della trasparenza delle produzioni Made in Italy – commenta Luca Marcucci, presidente di Cia Siena - ma non la panacea alle problematiche che interessano il comparto lattiero-caseario. Tanto più che il decreto italiano non ha un quadro normativo analogo in sede europea".

"Questa novità – aggiunge il direttore Cia Siena, Roberto Bartolini - non deve distrarre dalla questione principale che è quella di dare certezze alla filiera, in termini di regole lungimiranti e condivise per commercializzazione e mercato, e comunque orientate verso un reddito equo per chi produce. Anche perché il quadro di riferimento del mercato deve essere quello globale e non chiuso nelle logiche dei confini nazionali".



Tag

«Grazie al mio staff perché non è facile sopportarmi...», e Meloni scoppia a ridere

Ultimi articoli Vedi tutti

Attualità

Attualità

Politica

Cronaca