Questo sito contribuisce alla audience di 
QUI quotidiano online.  
Percorso semplificato Aggiornato alle 07:00 METEO:ABBADIA SAN SALVATORE18°35°  QuiNews.net
Qui News amiata, Cronaca, Sport, Notizie Locali amiata
domenica 03 luglio 2022
Tutti i titoli:
corriere tv
«Tu si 'na cosa grande», l'emozione di Paola Turci che canta per Francesca Pascale

Politica martedì 23 maggio 2017 ore 19:54

"Strade dissestate, ma non si possono chiudere"

Scrive Davide Mariotti, del gruppo di opposizione a Roccalbegna: "I tagli del governo producono disservizi, e la provincia ci penalizza"



ROCCALBEGNA — I tagli lineari del governo agli enti locali producono ancora un grave disservizio alla popolazione, scrive Davide Mariotti della lista civica di Roccalbegna Un Comune per tutti.

La provincia di Grosseto - prosegue - decide di penalizzare, ancora una volta, zone già particolarmente disagiate e messe a dura prova dalla precarietà delle proprie infrastrutture viarie, attraverso due ordinanze che escludono il transito ai cicli e motocicli su vari tratti stradale della S.P. Crocina e della S.P. Usi.

Interdire il traffico a due ruote, piuttosto che un'ordinanza di sicurezza, ci sembra una mossa dimostrativa da parte della provincia, che da un lato potrebbe risultare utile a smuovere le acque sul tema dei tagli, ma dall'altro lede senza dubbio le libertà personali dei cittadini e delle strutture ricettive limitrofe.

Il Sindaco di Roccalbegna si limita a rassicurare la cittadinanza assicurando che non saranno effettuate sanzioni, per altro contraddicendo la normativa stessa. 

Piuttosto che affermare che non verranno fatte multe - prosegueil consigliere - riteniamo che il sindaco Galli dovrebbe far valere la propria voce nelle sedi istituzionali dal momento che l'ordinanza, oltre che portatrice di un effetto deterrente per quanto riguarda l'affluenza turistica, appare priva di alcun senso pratico.

Non considerando tutto ciò soddisfacente a tutelare la libertà e la sicurezza della popolazione, noi abbiamo deciso di agire concretamente, scrivendo al Ministero delle Infrastrutture, alla Provincia di Grosseto e al prefetto, chiedendo la riapertura al traffico su due ruote nelle strade recentemente interdette, presentando ricorso formale.

Da anni la Provincia vorrebbe declassare le strade in oggetto, e da anni queste strade non vengono manutentate, facendo scaturire così l'attuale degrado. C'è bisogno - conclude Mariotti - di un maggiore impegno e una maggiore attenzione da parte delle istituzioni per le strade rurali, così importanti per mantenere vivi i piccoli centri Grossetani, conseguentemente all'afflusso turistico che questi ultimi portano, grazie al loro pregio paesaggistico e culturale.


Se vuoi leggere le notizie principali della Toscana iscriviti alla Newsletter QUInews - ToscanaMedia. Arriva gratis tutti i giorni alle 20:00 direttamente nella tua casella di posta.
Basta cliccare QUI

Tag
Iscriviti alla newsletter QUInews ToscanaMedia ed ogni sera riceverai gratis le notizie principali del giorno
L'articolo di ieri più letto
Ecco l'elenco dei prezzi del carburante in provincia di Siena. Comune per comune gli impianti più economici dove fare rifornimento.
Offerte lavoro Toscana Programmazione Cinema Farmacie di turno

Qui Blog di Adolfo Santoro

QUI Condoglianze



Qui Ambiente

Ultimi articoli Vedi tutti

Attualità

Attualità

Attualità

Attualità