Questo sito contribuisce alla audience di 
QUI quotidiano online.  
Percorso semplificato Aggiornato alle 19:15 METEO:ABBADIA SAN SALVATORE16°  QuiNews.net
Qui News amiata, Cronaca, Sport, Notizie Locali amiata
mercoledì 12 maggio 2021
Tutti i titoli:
corriere tv
La Spezia, crolla il ponte levatoio della Darsena di Pagliari: il momento in cui cade tutto

Attualità martedì 29 dicembre 2020 ore 11:42

​Agricoltura, i danni del Covid alle imprese

L’allarme della Cia: “Un anno da dimenticare, conseguenze economiche per lungo tempo”



SIENA — Un anno attraversato dal Covid e per questo da dimenticare. Non solo l’emergenza sanitaria, ci sono anche gli effetti sull’economia, altrettanto pesanti. L’allarme arriva dalla Confederazione Italiana Agricoltura Siena, che con il suo presidente Valentino Berni avverte che ci saranno “strascichi a livello economico per molti anni. Prima il lockdown di primavera, poi le ripetute chiusure degli ultimi mesi dell’anno”.
La mappa del 2020 per le singole colture descrive un quadro preoccupante. In dettaglio i singoli settori nel territorio senese.

Agriturismo. A pagare il conto delle restrizioni Covid è stato il sistema degli agriturismi senesi, che hanno subito prima il lockdown e poi le chiusure di fine anno, che potevano rappresentare una boccata d’ossigeno dopo mesi senza turisti e senza alcun tipo di fatturato. Salvi solo i mesi estivi. “Anche il 2021 sarà difficile e non un anno normale, i più ottimisti prevedono di arrivare al 60% rispetto al ‘normale’ 2019”, commenta la Cia senese.
Vino. I prezzi delle uve hanno subito un ribasso medio del 20-30 per cento e in alcuni casi fino al 50 per cento rispetto gli anni precedenti, secondo l’analisi dell’associazione di categoria. Nel 2020 calo anche delle vendite in bottiglia a causa della chiusura del canale Horeca, ristorazione e turismo. Unica nota positiva “è il calo delle rese che permette di non accumulare troppo vino in cantina, che avrebbe portato ad una svalutazione dei prezzi per i vini senesi di qualità”.
Olio. Qui c’è un paradosso, perché a fronte una ottima annata, il settore sconta la mancanza di vendita al dettaglio, vendita diretta in azienda, enoteche, turismo, sagre dedicate a questo prodotto. In difficoltà anche le cooperative del territorio.

Cereali. Trend positivo per i cereali, con un aumento dei prezzi (+20% circa) rispetto al 2019. Una “crescita che fa respirare il settore che però paga ancora i dati negativi degli ultimi anni”.

Allevamento ovino. Inizio anno con i soliti problemi di abbassamento di prezzo e resa per il latte ovino; mentre “siamo arrivati a fine 2020 con un prezzo dignitoso” ma il settore resta in difficoltà.

Florovivaismo. Le aziende in provincia di Siena “hanno subito lo stop delle attività di primavera, nonché l’assenza di eventi, cerimonie e chiusure locali”.
Ortofrutta. Settore che ha sofferto meno degli altri le difficoltà del Covid.

Le aspettative per il 2021: “Anzitutto - sottolinea Berni - occorre superare l’emergenza Covid, altrimenti non si riparte. E’ necessario fare in modo che i fondi del Recovery Plan vengano messi davvero a disposizione del territorio, con l’agricoltura al centro dell’attenzione. Vanno risolti i problemi infrastrutturali della provincia di Siena oltre ai progetti di irrigazione da portare avanti”. Altra priorità per Cia è “l’alleggerimento della pressione degli ungulati nel nostro territorio”.

Tag
Iscriviti alla newsletter QUInews ToscanaMedia ed ogni sera riceverai gratis le notizie principali del giorno
L'articolo di ieri più letto
Il pavimento di una casa ha ceduto e un uomo è caduto al piano sottostante. Recuperato dai vigili del fuoco è stato trasportato in ospedale dal 118
Programmazione Cinema Farmacie di turno

Qui Blog di Monica Nocciolini



Ultimi articoli Vedi tutti

Attualità

Attualità

Attualità

CORONAVIRUS