comscore
QUI quotidiano online. Registrazione Tribunale di Firenze n. 5935 del 27.09.2013
ABBADIA SAN SALVATORE
Oggi 15°26° 
Domani 14°25° 
Un anno fa? Clicca qui
Qui News amiata, Cronaca, Sport, Notizie Locali amiata
domenica 05 luglio 2020
corriere tv
Nuovo scivolone di Gallera: «Se avesse avuto anche solo il 37,5 per cento di febbre»

Attualità giovedì 28 maggio 2020 ore 14:53

I tesori dell'Amiata tra i "Luoghi del Cuore"

La Rocca Silvana
La Rocca Silvana

Fino a dicembre si possono votare i propri siti artistici preferiti nel decimo censimento del FAI. Per l'Amiata ce ne sono tre



ARCIDOSSO — Tra i luoghi del cuore da poter votare nel censimento promosso dal Fai, il Fondo Ambiente Italiano, ci sono anche tre tesori dell'Amiata: la Rocca Silvana a Castell'Azzara, l'Eremo del Monte Labro a Arcidosso e Rocchette di Fazio a Semproniano.

Da ora fino a dicembre si potranno votare i propri siti artistici e storici preferiti e contribuire, in questo modo, a salvarli: i luoghi più votati verranno infatti premiati con premi, nell'ordine, di 50.000 euro, 40.000 euro e 30.000 euro. Il luogo più votato via web diventerà protagonista di un video, storytelling o promozionale, realizzato a cura della Fondazione. Si vota tramite il sito internet del FAI.

Ma andiamo a vedere i luoghi amiatini.

ROCCA SILVANA 

La rocca fu costruita nel IX secolo ed era un antico possedimento dell'Abbazia di San Salvatore al Monte Amiata. Nei secoli successivi divenne della famiglia Aldobrandeschi, assumendo un ruolo strategico per il controllo e lo sfruttamento delle vicine miniere di cinabro e mercurio ed entrando nelle mire espansionistiche di Siena, sotto la cui giurisdizione passò verso la metà del Trecento. Nei primi anni del XIV secolo gli Orsini di Pitigliano inglobarono la fortificazione nella loro contea. La rocca entrò a far parte del Granducato di Toscana attorno alla metà del Seicento, assieme a tutti gli altri territori della Contea degli Orsini. Da allora, la fortificazione fu gradualmente dismessa, andando incontro ad un lungo ed inesorabile declino. Negli ultimi anni del secolo scorso, una serie di campagne di scavo e di interventi di restauro hanno permesso il recupero di una piccola parte degli imponenti ruderi che testimoniano l'importanza della rocca nei secoli passati.

EREMO DEL MONTE LABRO

Eremo dei Giurisdavidici seguaci di David Lazzaretti, il santo dell'Amiata. Luogo magico, energetico e di grande spiritualità, spazzato dai venti e terrazza a 360° sulla Maremma, la Val d'Orcia, l'Amiata e gli appennini umbri e laziali. Dalle sue altezze nelle giornate limpide si possono vedere le alpi Apuane, il Gran Sasso e la Corsica.

ROCCHETTE DI FAZIO

Piccolo paese medievale dominato dalle antiche vestigia del castello aldobrandesco (XIII sec.) e dalla romanica Chiesa di Santa Cristina. Fuori dalle mura sorge un piccolo ospedaletto tradizionalmente attribuito all'ordine templare. La Chiesa, oggi sconsacrata, conserva tracce di pregevoli affreschi databili al XV sec. bisognosi quanto prima di un intervento di restauro. Dal castello, nelle giornate limpide, si gode di uno spettacolare panorama che si espande dal monte Amiata all' Argentario. All'interno del Borgo le piccole case in pietra sembrano tenersi in equilibrio sulla cresta delle altissime pareti di roccia calcarea a picco sul fiume Albegna.



Tag

Ultimi articoli Vedi tutti

Attualità

Attualità

Attualità

Attualità