Questo sito contribuisce alla audience di 
QUI quotidiano online.  
Percorso semplificato Aggiornato alle 17:51 METEO:ABBADIA SAN SALVATORE8°  QuiNews.net
Qui News amiata, Cronaca, Sport, Notizie Locali amiata
domenica 07 marzo 2021
Tutti i titoli:
corriere tv
A Sanremo vince il rock dei Maneskin

Attualità martedì 14 febbraio 2017 ore 22:48

Unità di crisi anche per Floramiata

​Vertenze: negli ultimi tre mesi 42 tavoli di crisi per 10 mila lavoratori coinvolti. Tra le aziende anche Floramiata, a Piancastagnaio



PIANCASTAGNAIO — Sono stati 42 i tavoli di crisi su altrettante vertenze aperti e seguiti dall'Unità di crisi lavoro della Regione Toscana, nel periodo dal 1 novembre 2016 al 31 gennaio 2017. Per un totale di 10.379 lavoratori coinvolti (sia dipendenti diretti che indiretti) e 8.314 posti di lavoro a rischio. 

Di questi - fa sapere la Regione - i tavoli attivati per la prima volta in quest'ultimo periodo sono 17, per 1.994 lavoratori coinvolti e 869 posti di lavoro che risultano a rischio (si riferiscono, cioè, ad aziende in cui vi siano esuberi dichiarati o si faccia ricorso ad ammortizzatori sociali).

Ecco le aziende con tavoli attivi nel periodo considerato.

Firenze: Bekaert (ex Pirelli), Braccialini, Carapelli, Cavalli, Cementir Sacci, Cibis - Centro Commerciale I Gigli, Emilio Pucci, Fondazione Maggio Fiorentino, Il Ponte, La Falegnami, Malo, Mercatone Uno in A.S., Richard Ginori, Sims, Targetti. Arezzo: Cantarelli, Consorzio Terranuova.

Grosseto: Abbigliamento Grosseto.

Livorno: Aferpi, Cave di Campiglia,Consorzio Gruppo Greco,Donati Laterizi, Elettra Energia, Grandi Molini Italiani, Magona (Arcelor Mittal), Provincia Livorno Sviluppo,Trailer.

Pisa: AtiSale/Locatelli Saline, Cassa Risparmio di S. Miniato, Ericsson, Italiaonline, Geofor, Officine Ristori, Smith International, Teseco.

Lucca: Toscana Pane; Massa Carrara: Costa Mauro, Eaton, Sanac.

Siena: Coop. La Boscaglia, Whirlpool, Floramiata.

Il grosso delle vertenze riguarda il settore dell'industria (86 per cento) e, solo in percentuale minima, quelle legate ad agricoltura (4 per cento), commercio, magazzinaggio, alloggio e ristorazione (4 per cento). In misura minore vi rientrano attività finanziarie e assicurative (2 per cento), informazione e comunicazione, edilizia, servizi (1 per cento).

Nel corso del 2016 - continua ancora il comunicato - osservando più da vicino i settori industriali colpiti dalla crisi, risultano più numerosi i tavoli aperti nel settore del manifatturiero: metallurgia e siderurgia (51 per cento), metalmeccanica (15 per cento), altro manifatturiero (21,4 per cento). Più contenuti i numeri di tessile abbigliamento (7,5 per cento), gomma, cotto, ceramica, vetro e cristallo (4,9 per cento). 

Oltre ai numeri delle vertenze, il report dà anche conto delle dimensioni aziendali delle imprese coinvolte in tavoli di crisi nel corso del 2016: nel 53 per cento dei casi si tratta di unità produttive con un numero medio di addetti compreso fra 51 e 250; il 23 per cento delle aziende ha più di 250 addetti, il 19 per cento fra 16 e 50 e il 2 per cento ha 15 o meno addetti. Nel 56 per cento dei casi le aziende passate per i tavoli dell'unità di crisi appartengono a gruppi o, comunque, ad aziende con stabilimenti anche fuori regione, mentre il 44 per cento è composto da aziende che non appartengono a gruppi.

Nei prossimi giorni il Report periodico sarà disponbile on line sul sito della Regione. Consulta il Report

Tag
Iscriviti alla newsletter QUInews ToscanaMedia ed ogni sera riceverai gratis le notizie principali del giorno
Programmazione Cinema Farmacie di turno

Ultimi articoli Vedi tutti

Attualità

CORONAVIRUS

Attualità

Attualità