Questo sito contribuisce alla audience di 
QUI quotidiano online.  
Percorso semplificato Aggiornato alle 18:35 METEO:ABBADIA SAN SALVATORE18°  QuiNews.net
Qui News amiata, Cronaca, Sport, Notizie Locali amiata
sabato 08 maggio 2021
Tutti i titoli:
corriere tv
Laura Boldrini racconta la sua malattia: «Ho scoperto per caso il tumore: è stata come un'onda anomala che mi ha travolto»

Attualità sabato 22 aprile 2017 ore 14:43

Tutti gli appuntamenti dell'Orcia Wine Festival

​Orcia Wine Festival al via. Cinque giorni da vivere con eventi, degustazioni, cibo, arte, cultura, acque termali, trekking



SAN QUIRICO D'ORCIA — E’ terminato il conto alla rovescia. Da sabato 22 a mercoledì 26 aprile, a San Quirico d’Orcia (Siena), si svolgerà l’ottava edizione dell’Orcia Wine Festival, la kermesse enologica dedicata alle produzioni Orcia.

Nello splendido scenario di Palazzo Chigi - si apprende da un comunicato - cinque giorni di degustazioni e appuntamenti dedicati al cibo, benessere e cura del corpo, trekking, musica e immagini per raccontare il vino e le acque salutari della Val d’Orcia.

L’apertura sarà d’eccezione: sabato 22 aprile (ore 15, al secondo piano di Palazzo Chigi) si terrà la Master Class di vini Orcia, tenuta da Kerin O’Keefe Italian editor di Wine Enthusiast.

Grandi vini e acque termali - La Val d’Orcia è terra di grandi vini e sorgente naturale di acque termali apprezzate da secoli per le loro virtù benefiche. Acqua e vino uniti dalla stessa magica armonia, “Antiche acque e vini moderni” sarà, infatti, il tema dell’Orcia Wine Festival che per quattro giorni animerà San Quirico d’Orcia e Bagno Vignoni, unico centro termale medievale ancora intatto dove le spa dei centri benessere offriranno calici accanto alle vasche di acqua calda naturale.

Grandi vini e arte - E ancora nello splendido Palazzo Chigi di San Quirico, sotto le volte affrescate della metà del Seicento, i produttori di vino Orcia offriranno i loro vini in assaggio e in vendita mentre una zona sarà dedicata al wellness del vino cioè ai trattamenti che sfruttano le virtù anti invecchiamento e anti ossidanti del vino direttamente sulla pelle. Palazzo Chigi, ospita anche la mostra “Il buon secolo della pittura senese”, un’occasione speciale per apprezzare la pittura fra Cinque e Seicento dopo aver sorseggiato un calice di vino Orcia.

Cena di gala tra i capolavori dell’arte seicentesca. Lunedì 24 aprile si rinnova l’appuntamento con la cena di gala. Quest’anno sarà il seicentesco Salone delle feste a ospitare il momento conviviale. La cena nel Salone Alessandro Magno sarà preceduta dalla visita (ore 19.30, visita guidata, ingresso ridotto riservato ai partecipanti della cena) alla sezione sanquirichese della mostra Il buon secolo della pittura senese, rassegna (visitabile fino al 30 giugno, tutti i giorni eccetto il martedì dalle ore 10.30 alle ore 18.30) che si articola nelle tre sezioni di Montepulciano, San Quirico d’Orcia e Pienza.

Grandi vini e trekking - Sullo stesso tema “Antiche acque e vini moderni” il trekking da San Quirico a Bagno Vignoni con un percorso di straordinaria suggestione paesaggistica, insieme alle guide ambientali per scoprire le essenze e fare soste nelle cantine, fino ad arrivare alla vasca in cui si bagnarono Santa Caterina e Lorenzo il Magnifico. Ancora sullo stesso tema i cortometraggi “A corto di vino” realizzati dagli studenti dell’Università di Siena - Scienze della comunicazione, coordinati da Maurizio Masini. E soprattutto le cene con i produttori nei ristoranti di Bagno Vignoni e San Quirico d’Orcia, così come la serata di gala nel salone di Palazzo Chigi. 

Occasioni per gustare i piatti valdorciani dono di una manualità antica insieme ai vini Orcia frutto della stessa terra e della stessa antica manualità. I vini Orcia sono infatti ancora dei gioielli artigianali destinati a un pubblico internazionale raffinato ed esigente. 

Nascono in piccolissime quantità e in una sessantina di piccole cantine dove ancora tutto viene fatto con cura manuale ma hanno il loro primo mercato nel territorio di produzione dove, ogni anno, arrivano oltre due milioni di turisti e escursionisti.

La denominazione Orcia è nata nel 2000 in un’area quindi particolarmente vocata ai grandi vini rossi da invecchiamento. Si tratta di un territorio dove in piena estate, le temperature notturne sono basse e questa escursione termica conferisce ai vini ricchezza aromatica, eleganza e longevità. Un territorio con paesaggi bellissimi e piccole città d’arte piene di capolavori che fanno dell’Orcia “il vino più bello del mondo”.

In occasione dell’Orcia Wine Festival 2017 il treno natura (23 aprile), i concerti di musica e gli appuntamenti con l’opera lirica, gli sbandieratori dei Quartieri, le degustazioni guidate dagli assaggiatori ONAV e i laboratori per bambini, a cura della Piccola Fattoria Forte, daranno un tocco di allegria e di sapore a un territorio unico dove il vino è un messaggio di eccellenza.

Info e prenotazioni 0577.899728.

Tag
Iscriviti alla newsletter QUInews ToscanaMedia ed ogni sera riceverai gratis le notizie principali del giorno
L'articolo di ieri più letto
In forte calo il numero dei casi registrati nelle ultime ore. Migliora anche la situazione in Val d'Elsa. I senesi in carico alla Asl sono 1218
Programmazione Cinema Farmacie di turno

Qui Blog di Federica Giusti



Ultimi articoli Vedi tutti

CORONAVIRUS

Imprese & Professioni

Attualità

Attualità